Alti e bassi

La mia sciatica ho scoperto che non è una sciatica ne tantomeno il piriforme. Il mio amico fisioterapistaosteopata mi ha visitato, tirato, spinto, massaggiato, scrocchiato per bene. Ad un certo punto ho anche urlato forza Napoli perchè si stava facendo minaccioso e volevo tenerlo buono. Mi ha rimesso in sesto. Non ancora completamente ma molto meglio rispetto a prima. Mi ha detto di provare pure a fare una piccola corsetta fra qualche giorno, di vedere come va. Vorrei farlo quanto prima, anche se quel fastidio (perchè non è un dolore vero e proprio) mi spaventa ancora un po’. Però le scarpette nel weekend le porto con me e vediamo. Grazie comunque cumpà. Davvero. (alto)

Stamattina ho litigato (discusso…si dice discutere) con il direttore di una rivista, una collega. Lei aveva le sue ragioni e io le mie. Le mie erano più concrete, ma lei era più brava a litigare di me. O la mandavo a fanculo, con conseguenze però imponderabili, o transavo la discussione con una sorta di concorso di colpa…un po’ per uno. Ho scelto per la seconda, anche perchè non ero così sicuro che il mio collaboratore fosse esente da responsabilità (nonostante spergiurasse di no). Però ho accusato il colpo per tutto il giorno con le palle girate. (basso)

Nel tardo pomeriggio sempre sul lavoro mi hanno chiesto un miracolo. A dire il vero non me l’hanno chiesto. Però il braccio destro del grande capo mi ha detto “tutti gli altri giornali anticipano l’uscita. Se il presidente mi chiede dovrò dire che voi non siete stati capaci…glielo dico giusto perchè lei lo sappia”. Premesso che se gli altri anticipano l’uscita, non devo essere io a pensare di farlo (per questo esiste un direttore del giornale, un direttore marketing, un direttore di divisione, un direttore di staminchia). Ma che il principe si sposa sabato prossimo lo sanno anche i sassi da mesi e mesi. Ciò nonostante io rimango col cerino in mano e cerco di capire come fare il miracolo. Non so se ci sono riuscito. Ma ho fatto tre o quattro telefonate per vedere se questo miracolo riusciamo a farlo, di cui sono soddisfatto. E’ questo il genere di cose che mi fa capire che a qualcosa servo. (alto)

Ieri sera Varese ha perso la sua terza partita ai playoff. Peccato, credevo veramente che ci potesse riuscire. Perdere un vantaggio di 19 punti nel terzo tempo è da suicidio anche se i bresciani sono stati davvero bravi. Però mi è piaciuto l’approccio del pubblico e della società, dell’allenatore. Alla fine, pur eliminati, parole di elogio per tutti. Nonostante tutto una festa. Lo sport dovrebbe essere così. (alto)

arrows-up-down

 

Annunci

23 commenti

Archiviato in il gatto syl, Lavoro, me myself and I, Salute e benessere, Senza categoria

Sciatalgia

Questa è la diagnosi che mi sono fatto da solo. Si lo so, non sono un medico e non posso fare diagnosi. Infatti la mia era una provocazione bella e buona.

Fatto sta però che è dal 25 aprile che non riesco più a correre. Dopo quei 15 chilometri infatti, sono rimasto piegato in due dal dolore per tutto il giorno. Pensando fosse una cosa più banale (avrò preso un colpo d’aria mentre ero sudato…) ho provato a correrci sopra due giorni dopo. Quando mai…dopo pochissimo ho dovuto arrendermi.

Rimesso in condizioni di camminare almeno senza zoppicare, ho provato a fare un po’ di nuoto. Ovviamente siccome lo trovo un po’ noioso, ho pensato bene di trovarmi qualche tabella da seguire, giusto per movimentare un po’ le sedute in piscina.

Però correre…cacchio che voglia. E non parliamo anche del beach tennis che ovviamente ho dovuto saltare.

Dopo quasi 20 giorni però mi sembrava di aver superato la cosa e ho provato a rimettermi le scarpette per vedere come andavo.

Ecco…non l’avessi mai fatto. L’infiammazione al nervo sciatico si è immediatamente riacutizzata.

Addio mezza di Rimini e soprattutto mi sono messo l’anima in pace sul fatto che stavolta farò passare un po’ più di tempo prima di “riprovare”.

Nel frattempo…mi sono iscritto in palestra. Ne avevo davvero voglia. E’ buffo (folle?) che nelle mie condizioni pensi, nemmeno troppo segretamente, a come potermi allenare per provare a fare la mia prima gara di triathlon entro i prossimi 12 mesi.

Ottimisticamente ho fatto partire l’abbonamento da giugno nella speranza di tornare in sesto per allora. Alla peggio però sfrutterò la piscina compresa nell’abbonamento che tutto sommato comincia anche a piacermi.

Nel frattempo mi sono “curato” con qualche antidolorifico e arnica. Finora senza troppo successo.

Domani provo con un fisioterapista, vecchio amico di blog. Spero non mi faccia vedere troppo le stelle…nonostante lui sia tifoso del napoli e incattivito dallo scudetto della Juve, vero uagliò?  😉

large_schiena-sciatalgia

17 commenti

Archiviato in il gatto syl, me myself and I, palestra, running, Salute e benessere, Senza categoria

10 pensieri in breve

  1. Pjanic andava espulso ma pure Skriniar su Higuain. E comunque non so se sarebbe finita diversamente.
  2. La Juve sta sul cazzo perchè vince ma mica si può perdere per essere più simpatici. Che poi a me quelli dell’inter non è che siano tutti così simpatici.
  3. Il PD ha perso le elezioni. Renzi mi sta sul culo, ma se un Gentiloni qualunque dicesse le stesse cose che dice lui il 4 marzo le cose sarebbero andate diversamente.
  4. A proposito del 4 marzo…sono passati due mesi ma un governo, dai vincitori, non lo vedo ancora all’orizzonte.  Però la colpa è del PD.
  5. Il nuoto è noioso, ma se seguo delle tabelle, è meno noioso. Comunque che palle la mia sciatalgia. Voglio riprendere a correre.
  6. Non ci sono più le mezze stagioni e non so più come cacchio vestirmi.
  7. L’attrice che interpreta “The good wife” mi fa sangue.
  8. Varese ai playoff di basket non me la sarei proprio aspettata…e ora magari ci divertiamo anche li.
  9. La tartare di tonno di Pescaria vale la coda.
  10. In realtà non vedo l’ora di iscrivermi in palestra.

Risultati immagini per 10

 

 

 

12 commenti

Archiviato in il gatto syl, me myself and I, Senza categoria

Ogni anno è la stessa storia

Chi mi segue da un po’ di tempo se lo ricorderà (a meno che non sia uno smemorato come me).

Da diversi anni faccio qualche ora di docenza ad un master. Nulla di eclatante, parlo del mio lavoro e cerco di spiegare a giovani neolaureati che vogliono lavorare nel magico mondo dei libri, come questi vengono “fatti”.

L’argomento devo dire che dopo “anni di marciapiede” lo conosco piuttosto bene. Quello che invece rappresenta per me il problema è tenere la lezione.

Parlare in pubblico mi ha sempre intimorito. Per quanto possa sembrare strano, sono timido (che per un egocentrico come me sembra un ossimoro) e parlare a più di tre o quattro persone contemporaneamente, rappresenta già una prova impegnativa per me.

Oggi avevo la prima lezione e posso dire di ritenermi soddisfatto. Nonostante il terrorismo della segretaria del master che mi ha confidato, prima della lezione,  che quest’anno i ragazzi sono molto critici con alcuni docenti, contestando la qualità delle lezioni, mi sono presentato in aula e ho tenuto le mie due ore di lezione frontale abbastanza bene.

I ragazzi mi sembravano attenti (nonostante fossero le ultime due ore della giornata), prendendo appunti e facendo domande pertinenti. Quindi tutto bene.

Eppure, sotto la mia camicia, sentivo la sudorazione più vivace che mai. Deve essere il mio modo per sfogare la tensione, l’ansia da prestazione (nel weekend ho rivisto e studiato la lezione manco dovessi essere interrogato).

Fortunatamente l’esperienza aiuta, così come il fatto di indossare la camicia rigorosamente bianca. La penombra dell’aula (c’era il videoproiettore) ha aiutato a far vedere meno lo spettacolo imbarazzante della camicia stropicciata…almeno mi illudo che sia così.

Questa cosa è sempre stata un handicap per me e per le mie relazioni professionali. Lo stesso problema si ripesenta puntualmente quando ho delle riunioni piuttosto numerose in cui devo tenere banco.

Invidio in queste occasioni le capacità di una mia amica speaker radiofonica, dalla parlantina sempre sciolta e disinvolta

Mi hanno consigliato di tutto un po’. Dai fiori di bach (nonostante il mio scetticismo verso la medicina naturale), alle magliette intime da indossare sotto la camicia (che però mi danno veramente fastidio) al fatto di fare un corso di public speaking (che ovviamente non ho ancora fatto).

Eppure ogni anno è sempre la stessa storia…

sudore-e1468838235125

20 commenti

Archiviato in il gatto syl, Lavoro, me myself and I, Scuola, Senza categoria

Varie ed eventuali

Ho problemi con il nervo sciatico. Preferisco dire così che “ho la sciatica” perchè fa meno vecchio…però il concetto non cambia. Sembra che il mio corpo mi stia dando dei segnali che mi rifiuto di ascoltare. Ho provato infatti a correrci sopra venerdì scorso e per due giorni non sono stato in grado di muovermi. Ieri ho provato a fare un po’ di nuoto…ma non sono abituato e i crampi dopo un po’ si sono impossessati delle mie gambe (imbarazzante aggrapparsi ai galleggianti che dividono le corsie in piscina facendo smorfie).

Forse dovrei anticipare la mia iscrizione in palestra.

Per il resto un weekend tranquillo se si considera che il massimo dell’adrenalina l’ho provato nel cambio armadio.

Ieri sono andato a mangiare in un agriturismo fuori porta. A parte l’abbuffata, è successa una cosa curiosa. Un amichetto di mio figlio, giocando,  ha perso il cellulare in uno sterminato campo di erba altissima. Ovviamente era in silenzioso e ovviamente il trova cellulare non funzionava. Praticamente era come andare a cercare un ago in un pagliaio (che non ho mai capito perché gli aghi li mettono li).

Però dopo aver finito il dolce, con metodo e culo, mi sono cimentato anche io nella caccia al tesoro dove inutilmente tutti stavano cimentandosi e, dopo pochi minuti, sono riuscito a ritrovarlo tra l’incredulità generale. Sono diventato l’eroe del giorno.

Come cantava Vasco….”Basta poco”.

 

11 commenti

Archiviato in il gatto syl, me myself and I, Senza categoria, Sport

Stamane nell’inbox

Era un po’ che non ricevevo proposte del genere, ma devo dire che un po’ mi mancavano…

Buona notte!!!! (partiamo bene visto che la mail è delle 9 del mattino).  Dispiaciuto per la lettera inatteso (un pochino si, ti avrei preparato almeno un caffè), pero ti scrivo con al fine della ti (corretto…ti e poi scrivo). All’inizio di maggio lo andro in Italy per un viaggio d’affari di mezzo anno… Pero io non ho interbase in Italia (quindi deduco che tu giochi a baseball), percio mi desidero trovare un persona buono e interessante!! Con cui possiamo avere un buon tempo unitamente, diventare veri interbase (se è una metafora per dire che giochi bene con la mazza e le palle sei una grande)….
E forse creare forti relazion reciproche in ulteriormente!!!! Inoltre, dovrei solo dire, che io non ricerca di sponsor (quindi la tua squadra ce l’ha già?)… Solo cosa che mi avanti dal nostra comunicazione soli fiducia , onesta, e che primo riunione potremmo conoscerci meglio, e solo allora fare risultati da l’una sull’altra (anche questa come metafora non è niente male sai?). Ti raccontare un leggermente di me!!!! I miei genitori mi hanno dato il nome Mila(senza la enne finale vorrei sperare)! Sono mia patria nella Federazione Russa!! Ho quasi 34 l’anno!! Sono non mai stato sposato (come mai il maschile? Devi dirmi qualcosa?) , non ho un bambina. Lavoro come e agent in cerca di lavoro! (ah quindi fai l’interbase a baseball solo nel tempo libero…che però vedo non ti manca).
Sono una ragazza romantiche, sincero (questi maschili cominciano a preoccuparmi) , tenera!!!! Io amo i bebe, gli animali abitazione (cioè le cuccie per cani?), i guarda i film, andare a teatro, andare a fare sport e il mare.. Pertanto se voi solo, e sei vuoi a incontrarsi una donna russo per una relazione, scrivimi!!! Io con piacere di conoscerti, comunicare , condividi photo.. Allego la mia photo a questo messaggio e Io credo che mi scrivo piu in breve (ecco infatti forse è meglio se ti scrivi e ti rispondi direttamente)…. Con grande speranza Mila….

Cara Mila, la speranza è di avere un traduttore migliore di quello che ti hanno consigliato nella tua patria di grande Russia (perchè mi viene l’accento russo solo a leggerlo?).

Dasvidania.

Risultati immagini per posta elettronica

12 commenti

Archiviato in il gatto syl, me myself and I, Ridere, Senza categoria

The dark side of the moon

L’ho vista l’altra sera.

Roger Waters in concerto, proponendo uno spettacolo, perchè di spettacolo si può parlare, che aveva nei classici dei Pink Floyd la parte principale.

Non voglio parlare tanto del concerto dal punto di vista artistico, quanto dal punto di vista emotivo.

Un tuffo negli anni ’70. Ricordo ancora quando scoprii “veramente” per la prima volta i Pink Floyd. Fu solo con The wall. Avevo 14 anni. Non potevo permettermi il disco per cui mi feci registrare una cassetta da un amico e disegnai la copertina con un rapidograph.

Oggi è quasi difficile farlo, ma allora si ascoltava un album dall’inizio alla fine. Era un viaggio, un film, un racconto. A maggior ragione con The wall.

Il concerto mi ha lasciato le stesse sensazioni. Quelle di un racconto, con un suo inizio, quasi paradossale, un suo svolgimento, con un messaggio di fondo e una sua fine, spettacolare e a sorpresa.

I bassi potentissimi, che ti entravano nelle viscere. Le immagini, a volte forti come un pugno nello stomaco, altre psichedeliche come un film degli anni ’70. Non mi sono mai fatto una canna, ma probabilmente in questo caso ci sarebbe stata.

Forse avrei visto ancora meglio la parte oscura della luna.

 

 

29 commenti

Archiviato in il gatto syl, me myself and I, Musica, Senza categoria, Spettacolo e televisione

Lei, una scommessa vincente.

E’ proprio vero, a volte da un problema nasce un’opportunità.

Una concomitanza di ferie e di turni di chiusure straordinarie per via del 25 aprile, aveva messo un po’ in crisi il mio team. La coperta era corta. Avrei potuto scegliere di gestirlo nella maniera più facile, chiedendo supporto a chi conosce quell’attività, anche se l’ho già fatto altre volte.

Ma ho scelto di rischiare e provare a girare un po’ i ruoli, con l’obiettivo di far cimentare lei in una prova molto più complessa di quel che normalmente gestisce.

Lei quando ho preso in mano quell’ufficio, mi è stata descritta come una fancazzista pasticciona. Nessuno ci voleva lavorare e a dirla tutta, molti episodi mi facevano pensare che quelle etichette non fossero casuali.

Però ho provato col tempo a farle fare lavori diversi, più impegnativi. Non ho visto risultati immediati, ma un po’ alla volta vedevo che migliorava.

Ora, vista la difficoltà della premessa, ho provato ad azzardare.

E’ complicato spiegare la cosa, ma immaginatevi un allenatore che improvvisamente si ritrova senza portiere e sposta il l’attaccante in porta, un difensore all’ala….e poi fa entrare in campo chi ha fatto panca da tanto tempo.

Doveva farmi una chiusura di una rivista, molto impegnativa. Quando le ho proposto questo lei ha degluttito ma mi ha risposto “proviamo”.

Certo non sono sprovveduto. Un errore potrebbe causare guai molto grossi. Per cui le ho affiancato un collega di un altro ufficio esperto, un po’ a farle da angelo custode.

Peccato che la sera “della partita”, mentre io ero già fuori ufficio, il collega esperto mi chiami per dirmi che per un imprevisto personale era dovuto uscire, lasciando sola la collega.

Tornare in ufficio al volo sarebbe stato inutile, anche perchè tecnicamente io non so svolgere esattamente quel lavoro. Ho invece verificato per vedere se ci fosse lo spazio per spostare il tutto all’indomani.

Lei però mi ha detto di non preoccuparmi. Che ce l’avrebbe fatta a chiudere il tutto entro sera, come da programma.

E così ha fatto.

Lei era felice, ma io di più.

Scommessa vinta.

ok

 

13 commenti

Archiviato in il gatto syl, Lavoro, me myself and I, Senza categoria

un po’ di promotion…

Giochiamo?! Avrebbe dovuto essere una domanda, ma il tono della voce lo fece apparire più un ordine perentorio. Certo, risposi. Iniziò così i preparativi del suo gioco, che prevedevano il fatto che rimanessi completamente nuda, sdraiata sul suo letto, con una benda sugli occhi, una corda ad immobilizzarmi le mani e un paio di cuffiette […]

via Il suo gioco — Frammenti di passione

14 commenti

Archiviato in sesso

Non sparate sul pianista

C’è poco da dire. Sembrava impossibile ma alla fine ci avevo davvero creduto.

Vincere 3 a 1 al Bernabeu ed essere delusi.

Sul gruppo di whatsup del fantacalcio sono stato bravo. Non ho reagito. Mi sarebbe spiaciuto perdere amicizie di tanti anni.

Rosico.

Spero che la Roma possa vendicarci. Ieri al terzo gol di Manolas mi sono commosso. Hanno fatto una gara davvero incredibile.

Nel frattempo mi chiedo perchè ho scritto il post. Deve essere una vena masochista che non sapevo di avere.

Non sparate sul pianista.

 

Ps: Continuo a chiedermi perchè Ficarra gioca titolare e Picone no. Comunque quando gioca nel Real mi sta sul cazzo.

ficarra-marcelo

8 commenti

Archiviato in il gatto syl, Senza categoria, Sport