lettera semi aperta a mia moglie

trenitalia1.jpgIo non recrimino che da quando è nato nostro figlio io per te sono diventato un accessorio della tua vita familiare.Io non recrimino che, dopo quello che è successo, visto che in tre mesi non sono riuscito a dirti “ti amo” hai pensato bene che prendere nostro figlio e tornartene nella tua città fosse la soluzione migliore.Io non recrimino il fatto che dal momento in cui hai preso questa decisione, 5 giorni dopo avevi già versato l’anticipo per l’acquisto della “tua” nuova casa.Io non recrimino che sei riuscita a convincermi che tutto sommato la nostra poteva NON essere una separazione ma solo il cambio di vita e di lavoro di uno dei genitori ….”sai quanti papà lavorano lontano da casa e tornano nei weekend”….”si ma loro lo decidono insieme”.Io non recrimino per il fatto che in questo modo la “tua” casa sarà pagata con “il mio” mutuo. Io non recrimino per le lacrime che sto versando mentre scrivo il mio sfogo. In fin dei conti ho fatto anch’io degli errori, non sono stato un buon marito, e penso che assaporare il caldo salato di queste lacrime sia il minimo.Io recrimino perchè quelle lacrime le ha versate 30 minuti fa nostro figlio. Recrimino perchè anche se lui non ne ha colpe, crescerà odiando i treni e la domenica sera.Recrimino perchè ha tutto il diritto di avere sempre due genitori come punto di riferimento, ma se cambi città questo non può avvenire.Recrimino perchè tu hai preso questa decisione solo perchè c’è una giustizia (se così si può chiamare) che ti copriva le spalle, che non avrebbe mai messo in discussione il fatto che nostro figlio dovesse stare con te. Perchè se solo c’era un dubbio su questo, dubito che avresti fatto quello che hai fatto.Perchè scrivo questo? Per me. Lo faccio ora, a caldo, mentre tu sei ancora in treno, perchè voglio ricordarmene in futuro, quando so che il mio risentimento si stempererà. Voglio ricordarmi questi pensieri, renderli indelebili. 

Annunci

6 commenti

Archiviato in me myself and I, Senza categoria

6 risposte a “lettera semi aperta a mia moglie

  1. michelarosa

    nei miei momenti difficili ci sei stato, anche se non ti conosco, sei una persona che mi ha insegnato l’ amicizia, quando ruggivo dentro e tagliavo le teste, spesso ti sei messo tra me e le mie vittime, prendendo i colpi più pesanti, il dolore che provo nel leggerti non riesco a scriverlo, qualsiasi altro uomo se lo sarebbe meritato, ma tu non sei un uomo qualsiasi, non posso aiutarti, se solo potessi fare qualcosa mi metterei a tua disposizione, posso solo darti il mio abbraccio virtuale, a te a un bambino che mi ricorda tanto qualcuno !
    ti voglio bene roberto, sembrerà stupido immensamente stupido che io voglia bene a uno che non conosco, ma te ne voglio tanto, baci, Michela.

  2. Non posso commentare. Ti abbraccio e basta. Martina

  3. adiade

    ti abbraccio forte……Ade

  4. maggiolory

    …. :-((…. un abbraccio

  5. no dai non si puo’ finire cosi perche’ che è successo??? cioe’ mi chiedo prima che tutto cio’ accadesse cosa è successo cosa ha fatto scatenare il desiderio di tua moglie di andarsene cosa? ma possibile che non si riesca a recuperare tutto, per voi e vostro figlio…cavolo mi dispiace molto sentire queste parole ti abbraccio forte

  6. slin

    grazie…….anche se queste parole le avevo scritte solo per me…..grazie veramente.
    Ma ora si volta pagina……
    syl

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...