quando si dice “avere feeling”

Settimana scorsa. Dopo mesi di insistenza accetto un invito a colazione con un mio fornitore, un imprenditore di una media azienda che storicamente lavora per noi.

Ne avevo la stessa voglia che un gatto ne ha di farsi fare uno shampoo, ma anche le PR fanno parte del mestiere per cui mi sono preparato psicologicamente a passare un paio d’ore  pallosissime.

In maniera un po’ schifata esordisce con un

“ha visto ingegnere come sono andate le elezioni?” 

“a parte il fatto che non sono ingegnere ma io sono solo contento dell’esito”

Lui per tentare di riparare ribatte:

“guardi io non ho mica votato sa? Sono 10 anni che non voto più”

“male, in questo caso non si lamenti di quello che fanno quelli che vengono eletti”

Il pranzo prosegue parlando più o meno di politica, di stato sociale e di occupazione, ma a un certo punto, complice forse un bicchiere di vino di troppo confessa:

“ammetto di essere razzista ma se la sinistra deve avere come leader un omosessuale non siete messi bene….”

“mah, veda lei, uno dei miei testimoni di nozze è gay”

Incomincia ad andare in panico e a farfugliare qualcosa per cambiare argomento.

“forse è meglio cambiare argomento, meno male che mi hanno detto che lei almeno non si interessa di calcio”

“beh, insomma qualcosa direi di si”

con tono ironico “non sarà mica milanista” lui che è di fede nerazzura

“ci mancherebbe, infatti sono juventino”

….

A quel punto, molto saggiamente conclude il pranzo con:

“guardi dott. Sylvestro, dovrei parlarle anche di lavoro, ma se per lei non è un problema fisserei un appuntamento per settimana prossima”

….ecco , forse è meglio.

19 commenti

Archiviato in il gatto syl, Lavoro, me myself and I

19 risposte a “quando si dice “avere feeling”

  1. rasoiata

    Ecco, spero che per te sia un problema reincontrare tale schifezza umana.
    Io fisserei l’appuntamento e poi darei buca.
    Ah, e non credere quando dice che e’ dieci anni che non vota.
    Avra’ votato la destra o fiamma tricolore, e’ che si vergogna a dirlo di fronte al cliente, tipico dei razzisti piu’ beceri.

    Anch’io faccio di mestiere l’agente di commercio e la regola nr1 e’
    Mai parlare di politica a un pranzo di lavoro, menchemeno di calcio, normalmente interloquisco di donne, cinema, viaggi, inframezzati da una o due brevi barzellette e non disdegno le mie ricette.

    per ultimo, se io fossi stato al tavolo con questo mentecatto, senza proferir parola alcuna, mi sarei alzato e sarei uscito dal locale senza salutare e senza pagare, ma prima avrei lasciato un bigliettino al rappresentante con la scritta:
    “Si vergogni”.

    Ciao
    Zac

    • Caro Zac, al di la di tutto cerco di non farmi condizionare nelle scelte di lavoro da simpatia o antipatia nei confronti dei miei interlocutori, anche se fortemente motivati come in questo caso.
      Il tema poi è che non è il rappresentante dell’azienda ma il titolare. Se io chiudo con lui, metto in difficolta l’azienda intera che è fortemente “dipendente” dalla mia (altro elemento di stupidità dell’individuo) e di conseguenza anche i lavoratori che hanno la sfortuna di lavorare per lui.

  2. Poi sei passato direttamente all’Alka seltzer? Conversazione tutta dettata dal feeling intellettivo…spero che ti sia rifatto con il menù! ciao

  3. loriana03

    Io non ci capisco niente ne di politica ne di calcio! :roll:…mmmh forse dovrei vergognarmi….macchissenefrega ! 😆
    Anzi no, scusa…precisiamo : non capisco niente della politica italiana !
    mi bastano già le votazioni della mia piccola sciuizzera…e qui non manco mai!
    Il calcio svizzero ? la squadra della mia città forse domani diventa campione svizzero…comunque la mia collega domani sarà munita della sua radiolina e seguirà la partita…mentre la ignorero`:lol:

  4. cazzarola, io certo non sono di destra, ancor meno razzista … ma mica ho trovato tanto simpatico neppure te gattaccio!

  5. Oddio, invidio la tua calma. Io sarei scappata dopo le prime battute, con una scusa qualsiasi. Ma capisco si tratti di lavoro quindi le cose cambiano. 😀
    In ogni caso, sarei stata per certi versi ancor più ostile! Io che i commenti su Nichi non li posso proprio sentire. Ma sono troppo di parte, quindi non faccio testo.
    Buona settimana.

    • In realtà l’unico elemento divertente era proprio mettere il dito nella piaga nelle gaffes di questo signore.
      Poi come ho già detto, cerco di prendere le decisioni a prescindere dalle opinioni personali che ho nei confronti dei miei interlocutori.

      …comunque anche volendo non sarei potuto scappare, visto che ero in auto con lui e che l’unica alternativa sarebbe stato chiamare un taxi 😉

  6. E che feeling ! Io non riuscirei a fare affari . Ho la prerogativa di mandare a quel paese senza pensarci un attimo .

  7. mbj

    per il prossimo appuntamento, turati il naso, l’odorino non è gradevole affatto 😀

  8. Questo è un genio! Il problema è solo uno: che lo devi ribeccare la settimana prossima!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...