del terremoto e della nintendo…

Finora le uniche mie esperienze con una scossa tellurica erano, fortunatamente, limitate. Un paio di casi dove, avvertendo un lieve tremolio, la domanda principale era “ma era davvero un terremoto?”

Nella notte tra sabato e domenica invece non ho avuto di questi dubbi.

Il letto ha iniziato a oscillare pesantemente, tutto ciò che poteva tremare o tintinnare ha incominciato a farlo rumorosamente e un boato così cupo  e sordo che neanche il migliore dei subwoofer avrebbe potuto replicarlo così efficacemente, ha iniziato il suo concerto per una ventina di interminabili secondi. Un buon velocista in questo lasso di tempo riesce a percorrere a piedi circa 200 metri, io invece sono rimasto ai blocchi di partenza….pardon…inchiodato nel letto nella speranza di svegliarmi di soprassalto pensando “cacchio se era reale questo incubo”.

Ovviamente la notte è proseguita in bianco, anche se, probabilmente un po’ incoscientemente, siamo rimasti in casa pensando che il peggio fosse passato.

Da li in poi e tutt’ora, è un continuo star sul chi va là, tentando di percepire ogni minima vibrazione.

Dopo la prima scossa sono riuscito a percepirne nitidamente almeno altre tre, anche se i media parlano di centinaia di scosse di assestamento.

La cosa che mi ha più impressionato però non è stata la notte di sabato, ma quella dopo.

Infatti, mentre la domenica è trascorsa tutto sommato tranquillamente, visto che con gli amici, si riusciva a parlarne, a raccontare, scherzare,  cercando di esorcizzare la cosa,  anche se a 30 kilometri da noi avevano ben poco da scherzarci, l’approccio alla sera è stato decisamente diverso.

L’arrivo delle tenebre, complice sta caxxo di pioggia che non ci molla più, ha reso l’atmosfera decisamente tesa.

La preparazione dello zainetto in caso di necessità da appoggiare alla porta di ingresso, la porta chiusa solo con una delle due serrature (così è più veloce aprirla), le spiegazioni fatte a Sylvestrino, misurando le parole per non spaventarlo troppo, pur cercando di fargli comprendere l’importanza della cosa…..beh, qualche angoscia la mettevano.

L’unico momento in cui mi sono messo a sorridere è quando mio figlio, annuendo consapevolmente e responsabilmente alle raccomandazioni che gli facevo e dando prova di aver capito l’importanza della situazione mi ha chiesto innocentemente….”papà, però nello zainietto ci puoi mettere pure la nintendo ds?”

 

Annunci

24 commenti

Archiviato in bologna, il gatto syl

24 risposte a “del terremoto e della nintendo…

  1. Che carino silvestrino 😀
    Io di terremoto ne ho sentito solo uno in vita mia, verso inizio anno. La scossa non era particolarmente forte ed è durata poco, eppure da quel momento ho capito cosa voglia dire averne strizza 😐 Quindi posso immaginare cosa voglia dire sentirne varie e di notte, dev’essere un’esperienza davvero poco piacevole…

    • Più che altro angosciante. Ti rendi conto di quanto la natura possa essere più forte di te.
      E la notte non fa altro che da catalizzatore e amplificatore di queste paure….anche se sia chiaro, io non ho avuto il benchè minimo problema “oggettivo”

  2. ma figurati che io l’ho sentita forte e chiaro qui in brianza….e per svegliare me ce ne vuole … immagino come sia stato là !! Infatti poi tanta è stata la strizza che ho aperto fb per vedere se lì c’erano persone come me che hanno sentito la scossa e avere notizie . Certo che il “lamento” sommesso della terra che trema è qualcosa di inquietante….

    • si si, quel rombo è veramente inquietante

      • “lamento”…???? Pensa se la terra “s’incazza ” di brutto!!!! Guardando i tg e vedere i danni che una “scossa “può provocare (non dimentichiamo fukushima!) …mi assale il terrore se penso cosa può accadere se s’incazza per esempio il Vesuvio! Non siamo niente di fronte la natura….comunque Vesuvio … Napoli… ma quando è la partita Juve- Napoli????? 😛
        😆 baci8

      • non saprei….io da quando si è vinto lo scudetto non mi occupo più di calcio almeno fino ai prossimi europei.

  3. Diogay

    Buonasera Sylvestro,
    pardon sono completamente fuori dal mondo, credo di non aver visto nè un telegiornale, nè un notiziario da diversi giorni.
    E’ paradossale che legga le notizie sul tuo blog, e ogni volta che sento un amico non parliamo mai nè di finanza, nè di politica, quindi se mi aggiorni ….scherzo, scherzo dai !
    Da qualche settimana ho deciso di inseguire mio figlio nei suoi primi progetti, ho faticato non poco per riuscire a trovare lavoro nelle società che gli hanno proposto un contratto, in effetti lui è più rigoroso di me, nonchè più bello, più preciso, ma vederlo al primo step è stata un’ esperienza unica.
    Siamo stati due settimane a Oviedo, dove mi sono svegliato tutti i giorni alle 6.00 con Bad romance, ancora oggi non lo tolgo dalle orecchie, poi lui è partito per Dubai e io per Roma.
    Mi verrebbe da dire una cosa per far ridere tuo figlio sulle evacuazioni, forse trovi il video della Littizzetto che contro reclamizza uno spot di Eva q.
    Vedi è meglio non chiedermi !
    Salutissimi !

    • Se sei usi il mio blog come TG temo tu sia messo veramente male 😉
      MA spiega meglio….in che senso hai faticato per riuscire a trovare lavoro nelle società che gli hanno proposto un contratto ?
      Oviedo? Dubai?….io continuo a pensare che tu all’agente Bourne gli fai un baffo….

      PS: mio figlio per fortuna ha la risarola facile ma quando guarda la Litizzetto escalama serio: “ma io non l’ho capita”…e allora rido io.

  4. Diogay

    Sono ancora qui !
    A Dubai è riuscito ad andare lui ! Io sono rientrato in italia ! Lavorare in Spagna è stata una botta di c… perchè il progetto era già iniziato.
    Non amo particolarmente girare il mondo lavorando, ma è indiscutibilmente conveniente.
    Sembra ieri che gli asciugavo il moccolo fuori all’ asilo, mentre lui sighiozzando mi chiamava ” Babba “, vederlo aggirarsi sui cantieri in giacca e cravatta, sicuro di sè, è stato davvero notevole.
    Devo cominciare a farmi una ragione che possano farmi diventare nonno a 45 anni !
    Buonaserata gattino !

  5. Tanta palula…e non solo del terremoto…

  6. ade

    io mi sono svegliata con il cuore che batteva fortissimo….
    ho pensato altra…..caldana….invece a mio marito si e’ mosso il letto….e doveva essere forte per muovere piu’ di 100 kg…..
    deve essere terribile trovarsi in questa situazione…..
    buonanotte!!!

    • vuoi dire che il terremoto era così forte solo perché se no non riusciva a muovere tuo marito? 😉

      comunque si…la paura c’era. Anche se non faceva per nulla caldo mi sono ritrovato con la fronte imperlata di sudore….

  7. Martina

    Ha ragione GL…Come si fa senza la DS? E come levarmi lo smartphone con twitter…Inconcepibile!

  8. Non sapevo abitassi nella zona colpita, scusa… Io abito credo nell’unica zona italiana non a rischio sismico, quindi non ho mai sentito una scossa e non ho la minima idea di quello che voglia dire vivere certi momenti, fortunatamente. Spero che le vittime di questi giorni possano riprendersi presto…

  9. la mattina ho chiesto a mio marito cosa avrebbe messo nel suo zainetto e la sua risposta p stata: “io non lo so ma so che tu ci avresti messo i libri di calvino”…. dai che è passata gatto. (io continuo a sentirle sta scosse…)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...