Per la festa del papà

Si, lo so che il 19 marzo è ormai agli sgoccioli.

Ma un commento lasciato al post di Italianementescorretta me lo ha fatto tornare in mente.

Mio padre, quello che almeno mi ha concepito, l’ho perso di vista circa 30 anni fa.

Lui e mia madre sono stati tra i primi che hanno sfruttato il referendum sul divorzio del ’74. Il paradosso è che mia madre aveva anche votato contro, ma questo l’ho scoperto solo pochi anni fa.

L’uomo che mi ha concepito me lo ricordo poco. Principalmente per una foto che ancora c’è sul comodino di quella che era la mia cameretta a casa dei miei. A volte ci trovo una fortissima somiglianza con Sylvestrino.

L’ultima volta che l’ho visto era per la firma sulla mia carta di identità, per avere il permesso per l’espatrio.

Da allora solo qualche frammento raccolto da mia madre che per un po’ è andata a farsi i capelli dallo zio e che ogni tanto lo vedeva.

So che si è rifatto una famiglia….almeno penso. Dovrebbe abitare nel comune vicino al mio. A pochi kilometri da qui.

Non l’ho mai cercato sull’elenco del telefono, anche perchè se anche lo trovassi non avrei voglia di chiamarlo. Ce la vedete la scena? “hey ciao, sono tuo figlio”. Come minimo penserebbe che ho bisogno di soldi.

In passato però, quando mi è capitato non per mia scelta sia chiaro, di vedere qualche puntata di “c’è posta per te”, ho sempre avuto paura di trovarmi un giorno uno di quei postini finti, con una telecamera dietro che mi diceva “devo farti qualche domanda per essere sicuro che sei proprio tu il Sylvestro che sto cercando”.

Chissà se ci sarei andato dalla De Filippi.

Comunque finora il postino ha suonato solo per qualche raccomandata, di solito qualcosa da pagare.

Lui però spero abbia avuto la soddisfazione di avere un altro figlio, o una figlia. Perchè di quello che ha avuto per primo si è perso tutto.

Si è perso la cresima (alla comunione invece c’era). Si è perso le prime volte in cui sono uscito la sera. Si è perso l’anno di militare. Non ha conosciuto la mia prima fidanzata Lucia ne tantomeno la madre di suo nipote.

Non ha conosciuto nemmeno tutti i miei amici. Quelli che comunque sono trent’anni che frequento.

Non ha mai visto una mia pagella. Non sa nemmeno che mi sono diplomato in una scuola serale per poi diventare anni dopo uno dei pochi dirigenti non laureati di un grande gruppo editoriale.

Non mi ha visto con l’abito da sposo e soprattutto quella terribile cravatta giocata sul rosa.

Non ha mai ricevuto una cartolina da uno dei tanti paesi del mondo che ho avuto la fortuna di visitare.

Non mi ha mai visto fare una gara di ciclismo, ne una partita di calcio, o di basket (si vabbè…quella era difficile visto che ero sempre in panchina). Mai un allenamento di Rugby o di Football americano. Mai una lezione di nuoto o di pattinaggio artistico (guai al primo che si mette a ridere).

Non mi ha mai aiutato a scegliere lo skatboard, o la bici, e nemmeno gli sci.

Non mi ha visto con la faccia gialla gialla perchè avevo preso l’epatite, o con la gamba immobilizzata perchè me l’ero strappata.

Insomma, spero che abbia avuto modo di fare qualcuno di queste cose con qualche altro bambino che nel frattempo è diventato uomo.

Per conto mio io le ho fatte con il mio vero padre. Che sicuramente non mi ha concepito, ma mi ha tirato su come lo avesse fatto. Probabilmente amandomi di più proprio questo.

E’ a lui che stamattina ho mandato un imbarazzato sms con su scritto AUGURI.…cammuffato poi con un e fammi sapere come è andata la visita della mamma.

Immagine

Annunci

88 commenti

Archiviato in Amore, figli, il gatto syl, me myself and I, Senza categoria

88 risposte a “Per la festa del papà

  1. Caterina

    Da fuori, posso dire che hai mandato il messaggio giusto alla persona giusta.
    Io ieri ho preso il telefono per chiamare un uomo burbero, scontroso, duro, atterrato dai troppi dolori di una vita, affaticato e stanco. E percepire la sua felicità, tenuta accuratamente nascosta, mi ha fatto bene. Non ho scelto di chi essere figlia, ma ho deciso di prendere il meglio, se presente, da chi mi circonda.

    Il disegno che hai ricevuto è bellissimo, posso solo immaginare il tuo orgoglio e la tua gioia nel riceverlo!

  2. esprit74follet

    Mi piace, perché scrivi del tuo genitore biologico senza rancore (e anche perché hai il coraggio di scrivere che hai fatto pattinaggio artistico 😉 )

    • Ne scrivo senza rancore solo perchè ho avuto la fortuna di essere ampiamente ricompensato da questo torto. Se mi madre non avesse mai incontrato mio padre (quello che ho oggi), non so se ne parlerei con tanta serenità.

  3. Ecco perchè uso il Rimmel Waterproof…non sai mai che post trovi… ed io ho il vizio di leggere le mie mail dove capita….anche stando in fila alla cassa…e non è bello trovarsi
    con le lacrime agli occhi dicendo “no,non ho la carta fidelity”
    Per certi ” post “bisognerebbe mettere dei “bollini” ….ecco !!!
    …però gatto…penso che la vita è strana …le occasioni che se perso tuo padre , le ha vinte quest’uomo che ha preso il suo posto….e penso che è molto più difficile guadagnarsi e ricevere in dono un “Auguri” anche cammuffato! un bacio

    • Non avere la carta fidelity a volte è un vero dramma, ti capisco.
      Io però non avevo come obiettivo scrivere qualcosa strappalacrime. Lo sapevo…devo rivedere il mio stile comunicativo !!!

      Mio padre comunque si chiama Angelo…..lo è di nome e di fatto.

      PS: ma che fine avevi fatto !!!

  4. Quoto il commento sopra (e comunque il pattinaggio artistico è un bellissimo sport!)

  5. Ah dimenticavo, io alle elementari per la festa del papà ho menato una bimba…cioè qui in svizzera non si usa tanto festeggiare il 19.marzo ed io ero orgogliosa di raccontare alla mia maestra svizzera che mio papà Pippo oggi avrebbe ricevuto un mio disegno e mia mamma faceva le frittelle di San Giuseppe …e la bimba voleva fare anche un disegno per il suo papà …io tirandoli i capelli gridavo” non puoi tuo papà si chiama Calogero !!!!”
    Haaahaaaa che testina!

  6. avevo letto ieri sera il tuo commento da r. …
    il tuo post è bellissimo e il tuo papà Angelo dev’essere una persona stupenda se è riuscito ad offuscare completamente il ricordo di quell’altro che non merita di starci, tra i tuoi ricordi…

  7. (festa a parte, incrocio le dita perché la visita sia andata bene)

  8. ma porc…. sono mesi che non ti leggo, torno e qui e per poco (togliamo anche il poco) mi commuovo!

  9. gattagabry

    Syl…..che dolcezza!!
    Un abbraccio

    • Ti ringrazio per il commento…..ma ci conosciamo? 🙂

      • gattagabry

        sono sicura che…no!
        Ma una dolcezza cosi disarmante la sento in pochi uomini, quindi non ho potuto fare a meno di scriverti.
        Ti ho trovato per caso.
        G.

      • Credimi, di solito chi mi conosce non elogia la mia dolcezza….
        E tu non hai un blog?

      • gattagabry

        Lasciarsi andare, in qualche occasione, è più facile se gli altri non sanno niente di te. Così ho passato una buona mezz’ora a leggere di te tra il 2009 e il 2012 e credimi, tu sei tenero più di quello che vuoi far credere.
        Non ho un blog, mi piace zampettare nel web perchè sono una gatta curiosa. Non saprei nemmeno da dove iniziare, ma non importa, riesco ad entrare in contatto con anime carismatiche comunque.
        Mottine mottine G.

      • ricorda…..Curiosity killed the cat….. 😉

      • gattagabry

        Ecco..

  10. Uffi, credo di averlo letto per prima questa notte e non mi sono ancora ripresa. Ti adoro, lo sai.

  11. dentro il petto di questo gatto…batte un cuore pieno d’amore…
    sempre detto sei un grande….e anche il Sig, Angelo deve essere una persona speciale…
    🙂

  12. Che bello questo post così sincero, nudo nel condividere la propria interiorità e il proprio mondo. Sei un gatto forte e coraggioso, anche solo per aver saputo dare il nome giusto alle persone della tua vita. A quelle che contano.

  13. Il tuo padre biologico si è perso un figlio. Ogni figlio è diverso, dà soddisfazioni ed emozioni diverse. E tu? I genitori non sono quelli di sangue ma quelli del cuore.
    Un bacio

  14. edp

    orcatroia gatto, orcatroia. che mi viene solo questo, che è un insieme di affetto, di rabbia, di chessoio ma mi viene così intanto.

    • tu e la lunga dovete essere uno spettacolo quando parlate in francese in questo modo 😉

      • edp

        io molto più volgare della lunga, lei più sottile, io grossolana, deriva teen mutuata ogni giorno dal mio mestiere. nono, io di quelle da lavar la bocca col sapone, non mi si può sentire. basta parolacce, basta sigarette.

  15. teto66

    Bravo, sei riuscito a commuovermi… pensavo riguardasse il rapporto tra te e Silvestrino, invece… ti sei sdraiato sul lettino e vai.
    Bravo!!!

  16. Tu dici che ti piace leggermi, a me hai fatto commuovere. Che palle che sei… 😦

    P.s. Ma davvero hai fatto il pattinaggio artistico?? Ommioddio! 😀

  17. difficile trovare persone competenti su questo argomento, ma sembra che voi sappiate di cosa state parlando! Grazie

  18. L’ha ribloggato su il nuovo blog del gatto sylvestroe ha commentato:

    Perchè anche un anno dopo non penso sarei in grado di rendere meglio i miei pensieri…

  19. ade

    auguri Sig. Angelo,
    LEI ha fatto un buon lavoro con questo figliolo!!!!!!!!
    auguri anche a te Syl!!!!!!

  20. humm, sgrunt, sigh, uff, scrat scrat
    penso che dovrò chiamare mio padre e fargli gli auguri
    colpa tua
    bel post micio!

  21. sono senza parole.
    mi hai fatta emozionare Syl!
    🙂

  22. Delle tante cazzate che scrivo qua per commentare oggi faccio a meno. Mi hai fatto commuovere ed emozionare. Mannaggia a te.

  23. teto66

    Non tutti i mali vengono per nuocere… senza questa “avventura” non saresti stato quello che sei ma qualcos’altro e probabilmente annoiato da una una vita simile a tante altre. Auguri a te e a mio padre ovunque sia.

  24. Quelli che scappano e quelli che rinunciano non sanno cosa si perdono e soprattutto non sanno che quello che inseguiranno per tutta la vita era quello che hanno buttato via.
    PS. Io il tuo pattinaggio artistico non me lo sarei persa per nulla al mondo 😉

    • guarda….avevo una grazia….però ero l’unico maschio in mezzo a tante donne !!! 😉

      • Un “Sylvestro” Bolle insomma…
        E ti dispiaceva essere l’unico uomo in mezzo a tante donne?

      • ti dirò….ho vissuto esperienze peggiori 😉

        Comunque una te la racconto. Stavamo preparando il saggio di fine anno…..e non ridere che ti vedo….dovevamo fare la ruota….tutti a braccetto in linea a girare in senso orario….io ero l’ultimo che doveva attaccarsi….arrivo di corsa e……sbadadammm….ho fatto strike, una quindicina di fanciulle tutte per terra !!! 🙂

      • Eh…eh…eh…mi sto figurando la scena di te che arrivi volteggiando leggiandro insaccato nella calzamaglia color pastello…e fai strike!! Il pattinaggio ha perso molto…

      • in confronto a quei corpicini esili esili sembravo l’incredibile Hulk sui pattini 😉

      • Spero solo che nessuno dei tuoi colleghi, dei tuoi sottoposti sappia che hai un blog…

      • ma che scherzi? Giammai…anzi….a pensarci bene…

  25. rossella biancardi

    Se quel padre lì leggesse questo racconto qui…. Lui non saprà mai quanta dolcezza si è perso.

  26. L’ho riletto con piacere. un abbraccio, gatto.

  27. Sempre detto che i legami non sono creati dal sangue. Bacio Gatto.

  28. Pingback: Penso di averlo trovato | il nuovo blog del gatto sylvestro

  29. Pingback: di X-factor e dei padri biologici | il nuovo blog del gatto sylvestro

  30. Pingback: stasera | il nuovo blog del gatto sylvestro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...