Delle regole del blog e dei libri belli

Quando ho aperto il blog mi ero dato poche semplici regole da seguire.

Almeno un paio di post alla settimana, non troppo lunghi da leggere in un paio di minuti e corredati con un video, meglio se con una foto.

Ecco…sulla prima regola sto marcando veramente male.

Non è che non ho cose da dire…ma è la testa per trasferirle nero su bianco che manca.

Comunque oggi, con lo spirito di un autore un po’ scazzato che deve per contratto consegnare un testo da pubblicare al suo editore (devo fare qualcosa per il mio ego che sta diventando bulimico), vi parlo di uno dei libri che ho letto recentemente.

L’ultima settimana di settembre di Lorenzo Licalzi, autore che io amo.

E’ la storia di un rapporto, tra un nonno che pensava di non aver più nulla da dare ed un nipote quindicenne che non sapeva di poter dare così tanto.

Il tutto on the road, come nei migliori film, con un cane ingombrante, un’auto d’altri tempi e tanti personaggi che definirli di contorno è riduttivo.

Licalzi ha la capacità di far ridere e commuovere nell’arco di poche righe e in questo romanzo ci è riuscito benissimo.

Se vi piace leggere e lasciarvi toccare dai sentimenti, ve lo consiglio vivamente.

Io nel frattempo penso con ansia ai 35 km che dovrò farmi domani per allenamento. La mia tabella di marcia su Venezia procede tutto sommato bene e domani svalico il punto più duro di questi mesi di preparazione.

https://i1.wp.com/www.rcslibri.it/wp-content/uploads/2015/08/07/292706/3401219-9788817083119.png

 

Annunci

21 commenti

Archiviato in Amore, libri, me myself and I

21 risposte a “Delle regole del blog e dei libri belli

  1. Silvia

    Ma perché darsi un numero di post da pubblicare regolarmente? A parer mio non dev’essere mai un obbligo ma solo un piacere, pensa che io all’inizio pubblicavo 2 post al giorno, a volte anche tre, ora può capitare che stia anche settimane senza pubblicare nulla, semplicemente perché non mi va e non voglio pubblicare solo per fare un post…..quindi non preoccuparti e fai come ti senti.
    Dev’essere interessante il libro, bella recensione 🙂

  2. beebeep74

    grazie per il consiglio letterario … e auguri per i 35 km, cerca di goderteli senza subirli. sono sempre dei bellissimi “viaggi” dentro noi stessi

  3. Kiu Kuras

    Io domenica 36 in vista di Amsterdam. Buone corse!

  4. Alessandra

    Ho regalato questo libro a mia madre ecco perché la copertina mi ricordava qualcosa..credo sia bello,lo.leggerò anche io.intanto mi preparo per fare 35 km verso il divano😂

  5. ade

    è una vista che non scrivo… mi manca il tempo….
    ma aspetto sempre con ansia i tuoi post….
    non conosco Licalzi…inizierò a conoscerlo…
    buon weekend Syl….
    PS come sta la tua mamma??? un abbraccio!!!

  6. Ciao gattoqualcuno, sai che non ho mai letto nulla di Licalzi? Dici che devo rimediare?

  7. anche il mio blog giace in attesa di qualcosa ….. veramente di cose anch’io ne avrei da scrivere .. ma non sono “pronta ” per affrontarle nero su bianco .
    Run slycat run !!

  8. Dovresti sforzarti “..ma è la testa per trasferirle nero su bianco che manca.”

    Quando o fai scrivi dei post in cui il piacere di leggerti è forte

  9. Pingback: SABATOBLOGGER 12 – I Blog che seguo | intempestivoviandante's Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...