Delle ginocchia e dei dubbi sul click.

Sto lentamente riprendendo un minimo di forma. Niente di che, ma almeno non arrivo stremato alla fine dei miei allenamenti.

Domenica però, dopo i miei 18 km su e giù per i sentieri lungo il fiume (devo dire divertenti) ho cominciato a sentire un dolorino al ginocchio sinistro. Nulla di trascendentale, come è già capitato altre mille volte dopo un allenamento impegnativo, tantopiù che ho passato il resto della giornata a convincere il mio socio a seguirmi in quello che spero sia il mio nuovo obiettivo, la maratona di Lisbona.

Aerei, alberghi…con la voglia di tornare ai nastri di partenza della regina.

Però il giorno dopo il dolore non passava. Certo il ginocchio non era gonfio, ma in sottofondo il dolorino c’era, tanto più che un po’ a malincuore ho rinunciato alla mia sgambata il lunedì sera.

Stamattina però la sveglia era puntata alle 5,45. Un fartlek al parco non me lo leva nessuno…

Invece appena mi alzo, sento ancora quel dolorino. Meglio tornare sotto le coperte e rinunciare alla corsetta.

La sera però la mia lezione di beach tennis non l’ho saltata. Smash, salti, battute, rincorse…e alla fine il dolorino era sempre li a tenermi compagnia, anzi, facendosi sentire un po’ di più.

Il ginocchio non sembra gonfio, non più di tanto almeno, ma col passare del tempo mi fa sempre più male.

Ora una bella borsa del ghiaccio (devo ricordarmi di toglierla ogni tanto, devo ricordarmi di toglierla ogni tanto, devo ricordarmi…)mi tiene compagnia e il click su quel volo Milano Lisbona mi viene il dubbio se farlo o no.

In questi casi rimpiango di non fare uno sport di squadra, dove ne posso parlare con il mister o con i compagni. Che poi so cosa mi direbbero…mettici sopra il ghiaccio e tienilo qualche giorno a riposo. Se non passa vai a farti vedere…

Si si…però io ho voglia di farlo quel click.

https://i0.wp.com/www.bstravel.it/wp-content/uploads/2014/03/Lisbon-Marathon.jpg

41 commenti

Archiviato in il gatto syl, me myself and I, running, Salute e benessere

41 risposte a “Delle ginocchia e dei dubbi sul click.

  1. ade

    fatti prima vedere…
    potrebbe essere solo un infiammazione alle cartilagini..
    qualche integratore e vai di click….
    (invidia) buona giornata!!!!!!

  2. Azz, un fartlek al mattino non è proprio l’ideale…Ho giusto un post in bozze su questa cosa, non so quando lo pubblico…

  3. Fatti controllare senza aspettare.
    E prova con gli impacchi di argilla

  4. PIù che dirti prima del click fatti vedere da uno bravo…. 😛

    Scherzi a parte davvero è una cosa da farsi a prescindere dal click perchè tu ormai 18 anni 3 mesi e un giorno, magari hai un problema di cartilagini usurate (dipendete da un sacco di cose… alimentazione, stile di vita, genetica), magari no è solo un’infiammazione. Ma in ogni caso è opportuno saperlo, Lisbona o non Lisbona.

    Ma comè che ti faccio commenti seri?
    (ah no all’inizio di ti ho dato dello psicopatico)

  5. Bia

    Fai un controllo, prima… giusto per toglierti i dubbi

  6. io sono per fare entrambe le cose ….fatti vedere così rimedi subito, e fai pure il click al massimo non corri a Lisbona ma ci vai a fare un bel giro !!
    tu gust is mei che uan !! 🙂

  7. Silvia

    Fatti vedere, così poi sai cos’è e puoi fare le cose giuste, ma non preoccuparti, sono tutti mali di gioventù, crescendo passano! 😛

  8. Stavo giusto pensando di andarci quest’estate a Lisbona. Ne parlano tutti come di una città splendida! Beh dai tu prenota e nel frattempo fai tutti i controlli, impacchi, ecc
    Al massimo mangi ottimi piatti di pesce ed ammiri le bellezze del posto💗

  9. È a ottobre, vero? Io farei click, correrei dalla fisioterapista a farmi fare un po’ più di tecar e se dopo una settimana non passa visita, per non rischiare di bruciarmi la preparazione per Lisbona!

  10. L’argilla verde è un discreto antinfiammatorio. Anche l’arnica e lo spirito gallico (da frizionare). Oppure il cavolo (me l’ha insegnato la mia fisioterapista): togli la costa grossa centrale, pressi le foglie con una bottiglia usata a mo’ di mattarello (il mattarello di legno assorbirebbe l’umidore che trasuda) in modo da ammorbidirle rompendo le venature, ne metti due tre strati sulla parte infiammata, copri il tutto con qualcosa di non assorbente e fasci con una benda elastica. Lo tieni per un paio d’ore, poi dopo un po’ lo puoi rifare. Dice che funziona anche con la ricotta che però messa a temperatura corporea dopo un po’ puzza. Questo, così come i precedenti, come rimedio di emergenza. Il rimedio serio invece è di farti vedere.

  11. Ah, ho visto adesso il commento che precede il mio. Il tecar, che a quanto pare è la moda del momento, l’hanno fatto fare anche a me. Ho fatto sette sedute, poi ho chiesto di smettere perché il miglioramento era pari a 0,0. E ho letto in giro che effettivamente ci sono parecchi dubbi sulla sua reale efficacia. Meglio che ti affidi a tecniche sperimentate e di provata validità.

  12. Fedifrago ®

    Non aspettare per farti visitare …..io mi trascino ancora una stupidata fatta anni fa (3000 siepi senza preparazione specifica, per sostituire uno che non si è presentato alla gara) e poi trascurata. Per l’infiammazione l’Artrosilene in schiuma è ottimo, ma prima sempre meglio una visita

    • è quello che ho messo ma in gel…e finora sembra fare effetto 🙂

      • L’artrosilene – lo dice la parola stessa – serve soprattutto per l’artrosi. E agisce sul dolore. E comunque quello in schiuma è meglio. A te sembra fare effetto perché l’infiammazione, se non la stuzzichi, col tempo si attenua da sola: senza il gel, funzionava uguale. FATTI VEDERE!! È UN ORDINE!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...