La consapevolezza di se stessi

Leggendo alcuni post, su FB o su WP mi vengono pensieri stranamente meno idioti del solito tipo:

“A me non me ne frega niente di ciò che pensano gli altri”

Ecco, a prima vista sembra un pensiero figo, di qualcuno che è forte, determinato. Ma siamo sicuri che sia giusto?

Quasi tutti odiano i giudizi. Odiano darli e odiano riceverli. Ma forse sono l’unico modo per colpire il tallone di Achille di molti di noi, l’auto consapevolezza.

Penso sia nella natura umana tendere a sopravvalutarsi, a enfatizzare i propri pregi e minimizzare i propri difetti. Però è solo il confronto con gli altri, il famoso giudizio, quello che a volte ti riporta coi piedi per terra.

Gli altri, se spinti da onestà intellettuale e senza secondi fini, avranno una miglior visione del tuo comportamento, di ciò che dici. Spesso sono in forte contraddizione con ciò che pensi.

Magari in buona fede, tu pensi di fare o dire una cosa giusta o fatta bene e invece il risultato ottenuto è molto lontano dalla realtà.

E’ così ad esempio che le coppie vanno in crisi, che le amicizie si perdono, che le carriere non decollano…comportamenti incosapevoli che però sono ben visibili agli occhi altrui. Spesso di dice “dare per scontato”…ecco forse è questo. Nella mia testa penso di essere gentile, premuroso, preparato, adeguato…e invece i miei comportamenti tradiscono un comportamento diverso.

“Col tempo è cambiato”. Forse si…o forse si è solo uno dei tanti ignoranti di se stessi.

Ecco perchè fregarsene del giudizio degli altri potrebbe non essere una buona idea. Più corretto sarebbe ascoltarli quei giudizi e poi, se lo riteniamo giusto, comportarsi diversamente da quello che gli altri vorrebbero…questa si che sarebbe determinazione.

Dite la verità…meglio quando parlo di corsa vero?  😉

autoconsapevolezza

Annunci

57 commenti

Archiviato in il gatto syl, me myself and I

57 risposte a “La consapevolezza di se stessi

  1. buon argomento. spinoso direi.
    Io sono per il giusto mezzo.
    Se il giudizio arriva da una persona che fa parte della mia vita e che stimo mi fermo a riflettere. Altrimenti di solito mi faccio questa domanda…questa cosa che mi hanno detto sarà importante tra un anno?
    Se si ci perdo un po’ di tempo.
    Se no vado avanti

  2. mi scende il sangue dal naso ….. 😛

  3. Meglio quando scrivi ciò che ritieni giusto. È un piacere leggerti, sua quando parli di corsa o del tuo papà, o del tuo lavoro e anche di consapevolezza. 😊

  4. No, preferisco quando ti “esponi”, del resto hai un sacco di cose da dire e non capisco mai perchè parli solo di corsa e lavoro (o forse lo so).

    Io non ascolto i giudizi degli altri, ma ascolto l’opinione degli altri.
    Son due cose diverse.
    Dei primi fottesega, i secondi son preziosi.
    Mi fanno vedere ciò che i miei limiti non mi fanno vedere, mi fanno ampliare la visione e altre volte mi fanno dire, stavolta “ragiono” meglio io.

    Il problema è che ci son più persone che danno giudizi e meno che danno opinioni…

    • giudizi, opinioni…sono sfaccettature diverse del medesimo concetto. Forse più politically correct la seconda…ma esprimere un’opinione è in fin dei conti giudicare qualcosa, valutare…in realtà penso che noi giudichiamo molto più di quel che pensiamo. La differenza è che a volte abbiamo la capacità di capire quando è giusto esporre il nostro pensiero e quando invece no.

      • no il giudizio non lascia spazio al parlare e al confronto, l’opinione si

        le parole hanno importanza sai, la gente neppure si rende conto di quanto

        giudico emetto una sentenza
        opionione di dico quello che penso io

      • rimando della mia idea che il confine è molto più sottile di come dici tu..ma il punto è un altro. Come rendersi conto di se quando NON c’è alcun giudizio o opinione che sia…

      • Gli altri sono uno specchio, quindi ne abbiamo bisogno, anche solo per dire “non voglio essere come quello/a”

      • L’immagine che ho trovato per il post è emblematica. A volte ci specchiamo da soli e vediamo quello che non siamo…
        (si però adesso spariamola qualche minchiata, suvvia)

      • Io parlavo di specchiarsi metaforico, nel senso che guardiamo gli altri ma non vediamo loro, ma parti di noi.

        Così accade che ci sta sul culo una persona solo perchè vediamo in lui un nostro difetto (e viceversa ci sta simpatica una persona perchè ritroviamo parti di noi positive) 😛
        In pratica gli diamo del coglione perchè lo siamo noi.

        Lo specchiarsi della tua foto è l’ego che si vede

        (sono svarionata dal caldo che ho preso in auto per venire in ufficio e sono troppo sobria per sparar minchiate a freddo)

        (ma se vuoi faccio un rutto qua in ufficio a comando in tuo onore)

      • Quindi quando vedo una testa di caz…in realtà sto guardano le mie parti basse? 😉
        Il rutto sarebbe un gesto che apprezzerei molto…nella vita ci vogliono dei punti fermi di riferimento 😉

      • Non sempre, ma spesso si, anche se tu, secondo me, se la testa di caxxo è femmina, alterni lo sguardo con altro

        Io son un punto si riferimento si!
        Del resto una volta me lo hanno detto, son donna affidabile .(il momento in cui me lo dissero è epico, mi spiegò perchè aveva scelto me e non un’altra ) (non trovo la faccina con il dito mediano alzato da abbinare all’ultima frase)

      • io al massimo posso essere affabile…

      • affabulatore anche 😛

      • dalla Treccani: “affabulatóre s. m. [der. di affabulare] (f. -trice), letter. – Persona che narra in maniera affascinante e abile o che racconta storie affascinanti ma poco fondate o totalmente infondate.” …ci sta. 😉

      • è colpa del tuo segno zodiacale
        (che così ti dò pure la scusa per dire come Jessica Rabbit:
        “Non è colpa mia son le stelle che mi disegnano così”… )

      • ma io non ho le tette che ha lei!!!

      • Infatti, tu affabuli, lei tetta

  5. I giudizi sono positivi e servono, e quindi secondo me vanno tenuti in considerazione. Sono a mio avviso sintomo di un interesse per l’altro; tra amici ci si dice tutto, no? Anche le cose meno piacevoli, a volte, ma solo perché vogliamo il bene dell’amico/a. Almeno così dovrebbe essere. Vogliamo forse chiamarlo “consiglio”?
    L’importante è che non esistano pre-giudizi. Allora il discorso cambia.
    L’assenza di “consigli” significa indifferenza, quindi disinteresse. Non sentimento che mi tocca da vicino quando non stimo qualcuno, per cui il suo giudizio non me ne curo.
    È così sono sbarcata anche sul tuo blog finalmente, dopo qualche chiacchiera su fb.
    Ciao! 😊
    Primula

    • ciao e benvenuta anche qui.
      L’assenza di consigli può essere legata all’inidifferenza…ma anche alla paura di affrontare le conseguenze. E’ un campo talmente variegato che è verramente difficile trovare delle “regole”….se non quelle del buon senso.

  6. Tendo a fare la stessa distinzione di Diamanta: se mi giudichi sputi una sentenza, che non può fare altro che opprimermi. Se mi dai un’opinione, io sono libera di pensarci e farne tesoro oppure no.
    Tendo a dire sempre quello che penso. I miei amici lo ritengono un tratto prezioso. In genere le mie opinioni tornano loro utili (e tutta una varietà di trucchi da vecchia zia e soluzioni a disturbi vari con quel che c’è in casa). Però ci vuol coraggio ad esprimersi, di questi tempi. Il mio “capo” mi odia ed evita accuratamente di parlarmi proprio per lo stesso motivo per cui gli amici mi cercano…
    Quindi, a volte, si tace perchè si sa che è meglio.

    • non fa una griza…ma nel post io la vedevo più dalla parte del “giudicato”. Di come sia utile per ciascuno di noi avere dei riscontri (feedback li chiamano i manager fighi) per capire se il percorso è quello giusto oppure no.
      Ecco perchè sono piu attente, a mio parere, le donne degli uomini in questo senso…non per niente non vedrete mai un uomo chiedere la strada anche se si è perso 😉

      • Io ascolto sempre volentieri quel che pensano di me, spesso lo chiedo proprio.
        Ci sono state conversazioni che mi hanno fatto scoprire cose di me, che non sospettavo affatto. Vorrò sempre bene alle persone con cui le ho fatte.
        Ma la maggior parte della gente non ti dice quel che pensa. Un po’ per il meccanismo che ti ho detto. Un po’ perchè le opinioni altrui non sono molto amate (salvo che non siano: che BRAVO!!)… spesso perchè non hanno vere opinioni.
        Hai presente quanto in fretta cambia idea la gente?
        O capitano tutti a me?

      • Io adoro sentire cosa pensano gli altri di me, anche perchè sono terribilmente egocentrico 😉
        Il problema è che sono anche terribilmente permaloso, per cui mi risento se ciò che mi viene detto non mi piace…ma ho un carattere del cavolo e almeno quello lo so 😉

      • ecco… dopo la prima volta che ti si dice qualcosa, poi non lo si fa più e buonanotte!

      • il rischio in effetti c’è…ma se così fosse almeno è colpa mia

  7. È interessante quello che hai scritto, è vero a volte si tende a sopravvalutarsi… certo va detto che ci sono giudizi e giudizi, quelli con secondi fini e quelli per amicizia… per carattere io faccio il contrario, a volte tendo a vedere i difetti e meno i pregi… ma per carattere mio… i giudizi servono eccome se sono sinceri, aiutano a migliorare :)) Mi piace questo post, molto 😉

  8. made57

    Pensieri
    Molto profondi e
    Molto veri

    • non sono ne profondi ne veri. Sono semplicemente opinioni. E la parte migliore, ti confesso, sono lo scambio che ne è venuto poi fuori nei commenti.
      Grazie comunque 😉

  9. beebeep74

    il gatto sylvestro non si discute MAI!

    bravissimo

  10. Le opinioni vanno sempre ascoltate e valutate, però poi bisogna decidere sempre con l propria testa! 😉

    • Vero. Ma il tema di fondo che volevo esprimere nel post è che se c’è qualcuno che ti dice la sua, puoi scegliere se ascoltarlo o no, ma se non hai nessun riscontro…il rischio di credere di essere un leone mentre sei solo un micetto, è concreto

      • Vabbè che discorsi ma questo capita a chi non si guarda mai dentro e non fa autocritica, altrimenti i propri limiti si conoscono!

      • non credere, è un errore molto più diffuso di quel si pensa.
        ti faccio un esempio. L’altra settimana abbiamo commentato delle “pagelline” che ogni responsabile dava ai propri collaboratori su varie attitudini e comportamenti. Allo stesso tempo, ogni collaboratore esprimeva un auto giudizio sulle stesse qualità. TUTTI si davano mediamente un giudizio migliore di quello che gli veniva riconosciuto e a volte con differenze imbarazzanti.

      • questo è risaputo, nel lavoro si credono tutti fenomeni! (anche chi non fa un tubo!)

      • …non solo nel lavoro mi sa.

      • no no…ce ne sono anche qui tanto per dirne uno di luogo 😉

  11. Bia

    Dipende da “il giudizio di chi”. Tanta gente giudica solo per invidia o per “sentito dire”, senza in realtà sapere nulla di te. Di questi giudizi cosa me ne faccio? Diverso invece il giudizio delle persone a cui tengo e di cui so di potermi fidare: in questo caso, tengo al loro giudizio più che al mio 🙂

  12. No, ha ragione Diamanta: fra un’opinione e un giudizio c’è un abisso. Il giudizio è di chi si mette in cattedra e spara sentenze perché lui ha capito tutto mentre tu non hai capito un cazzo. E l’unica risposta adeguata è un robusto vaffanculo.
    Allo “scontato” comunque anch’io ho dedicato un post:
    http://ilblogdibarbara.ilcannocchiale.it/2010/01/08/scontato.html
    (non sempre leggibile perché il cannocchiale va spesso nel pallone.

    • vabbè…non entro nel merito delle differenze tra giudizio e opinione, ma la grossa differenza è se si hanno o non si hanno. E in quest’ultimo caso nel non prendere fischi per fiaschi…
      Sul dare per scontato, il tuo aneddoto è significativo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...