Dell’amore e dei pinguini.

Oggi ho letto il post di un mio amico blogger. In questo post racconta un amore finito e non per scelta sua.

Probabilmente avrebbe voluto scrivere un post rabbioso, pieno di rancore, per sfogarsi contro di lei. Apparentemente ci è riuscito, ma io ci ho visto invece una stupenda lettera d’amore.

Lui in questo momento sta soffrendo, tanto. Lo si percepisce molto bene dalle sue parole, dallo stato d’animo che traspare da ciò che mostra.

Però, per quanto paradossale sia l’affermazione che sto per fare, io lo invidio.

Si lo invidio.

Lo invidio perchè l’intensità di quel sentimento è incredibile. Lo invidio perchè nonostante non sia un ragazzino, ha la purezza di un ragazzino.

Lo invidio perchè ha un cuore sano, tonico, vivo, sicuramente che soffre, ma che sotto quello strato di sofferenza lascia intuire una voglia di vivere che ormai, io, non penso proprio di potermi più permettere.

Io ho provato quello che ha provato lui. E l’ultima volta è stata fatale. Da allora ho eretto una corazza impenetrabile per quel genere di sentimenti.

Oggi io posso flirtare, coccolare, affezionarmi, parlare, ascoltare, scopare, usare, una donna, ma non voglio più amare e soprattutto non voglio più essere amato.

E ci riesco anche piuttosto bene, mi vanto del mio modo di essere anaffettivo.

Però mi sembra di stare in un purgatorio, in una landa deserta, arida e piatta.

Certo, sono io il primo artefice, il carceriere di me stesso in questa gabbia dorata. Un detto dice “chi è causa del suo male pianga se stesso” e io non posso che confermare la verità di queste parole. E’ quello che voglio. Non fare danni (perchè amando ne ho causati tanti) e cercare di non subirne.

Però quando vedo chi è diverso da me, chi è ancora capace di provare dei sentimenti così intensi, di amare…beh un po’ di invidia c’è. Il coraggio di provare a volare pur sapendo che si può anche cadere.

Io sono come uno struzzo, un tacchino, un pinguino, un uccello, che per l’evoluzione darwiniana, ha disimparato a volare.

Immagine correlata

 

 

Annunci

33 commenti

Archiviato in Amore, il gatto syl, me myself and I, Senza categoria

33 risposte a “Dell’amore e dei pinguini.

  1. Non è mai troppo tardi per ritornare a volare. Tutt’ al più…una bella maratona 😉😘

  2. Comunque da quando ho fatto il post sono sparite le visite dall’Austria 😦

  3. E’ un discorso troppo lungo, e comunque non sarei un esempio da seguire, visto che vivo felicemente (o quasi) single da una vita.
    Però ricorda che se sei un pinguino ci son anche le foche (ho detto foche!)
    (EH.. che ci vuoi fare io e te seri a lungo mai)

    • Ti aspettavo al varco…. 😉
      Comunque sei felicemente single ma non mi sembra tu abbia nessuna corazza o non sappia come si usino le ali. Semplicemente non hai trovato un altro uccello (daje) che te ne ha dato il motivo.
      Io invece sono sposato ma ho una corazza non uso le ali…e inseguo le foche 😉
      Chi dei due sbaglia?

      • I miei amici mi dicono (a parte rompicoglioni) che sono TROPPO esigente, e questo (forse) ne sono consapevole (sempre forse) è di per se una corazza. Non credi?

        Si, certo, però so volare, ho ali maestose (sono modesta come sempre). So volare in alta quota e volo benissimo, perché avevo (ho) capito il trucco delle “correnti ascensionali”. Farsi portare e non cercare di andar contro, ma in certi cieli non passo più. O se ci passo vedo solo uccelli (daje) rapaci.

        Quindi come era la domanda?
        Chi dei due sbaglia?
        Entrambi.

        ps: però ho le prove che usi il pesce e giochi con la foca 😉

  4. Bia

    Che ti devo dire. Anche io ho amato tantissimo e sofferto tantissimo. Non so se vorrei riprovare. Diciamo che mi accontento del mio compagno attuale, che di sicuro non mi scatena emozioni così forti e altrettanto di sicuro non mi farà mai soffrire. Forse sono anaffettiva pure io… come dice Diamanta, sarò una foca (ho detto foca!) 😀

  5. comunque il fatto che lo riconosci è la prova che non è vero. Secondo me aspetti che ne valga la pena.

  6. Mi hai fatto commuovere Syl. Mi hai definito in maniera stupenda e soprattutto “amico”. Dobbiamo berci una birra prima o poi noi due. Adesso non so se sperare di diventare come te o di restare come sono. Il punto è che, se vogliamo, tutti possiamo cambiare e tu con queste parole stai dimostrando di non essere un pinguino. Affatto. Grazie.

  7. Credo che rinunciare ai sentimenti non sia mai una soluzione, si vive di se e di ma e di rimpianti, comunque sono scelte di vita non giudicabili 😉

  8. Huber

    ….ma non eri un gatto? 🤔 che caccia le tope? 😉😘
    ….hai 7 vite per trovare l’Ammmmmore 😂
    Bacione gattaccio

  9. L’amore è la cosa piu instabile che esiste. Che poi….la biondina che ha aperto il concerto dei depeche….chetelodicoaffare

  10. e bravo gatto…ma poi chissà, mai dire mai! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...