V come vendetta

Ultimamente mi è capitato di parlare di questo sentimento. Si perchè alla fine è un sentimento e come tale, al pari dell’amore, è guidato da motivazioni a volte incomprensibili e spesso ineluttabili.

Ha gli effetti di una droga, capace di appagarti e sballarti in un primo momento, ma con effetti devastanti a lungo termine.

Ne parlo con cognizione di causa. Mi è capitato di subirla, ma soprattutto, mi è capitato di agirla.

E’ terribile.

Quando subentra la vendetta, ti si annebbia la vista, non riesci a vedere le cose per quello che sono nella realtà. La mente percepisce la tua sete di vendetta come unico stimolo prioritario, facendo passare in second’ordine tutto il resto. Sei disposto anche ad annientarti pur di portare a casa il tuo obiettivo.

Spesso chi si sta vendicando riesce ad essere consapevole delle conseguenze dirette, ma difficilmente riesce a valutare quelle indirette, i “danni collaterali”. La vendetta infatti non è un fucile di precisione, ma una bomba che colpisce chiunque si trovi nei paraggi, oltre al bersaglio a cui è indirizzata.

Mi è capitato in passato di perpretare la mia vendetta. Ho agito d’istinto, senza pensare troppo…e ho clamorosamente sbagliato, facendo del male anche a chi si è trovato a passare nel posto sbagliato al momento sbagliato.

Ne è valsa la pena? No.

Potessi tornare indietro mi comporterei diversamente.

Però la capisco la sete di vendetta. La comprendo e non mi sento di giudicarla. Rimane comunque sempre una debolezza, un errore, spesso irreparabile, che non si dovrebbe commettere.

Diverso è quando godi delle cadute del tuo nemico. Quando, dopo aver subito, lo vedi cadere nelle buche che lui stesso ha creato. Ma in quel caso è il destino, il fato, il karma, ad essere artefice e mandante. Tu hai solo avuto la pazienza e la fortuna di vedere galleggiare il cadavere del tuo nemico nei flutti del fiume della vita.

Immagine correlata

18 commenti

Archiviato in il gatto syl, me myself and I, Senza categoria

18 risposte a “V come vendetta

  1. Quindi oggi sei nella fase vendetta o quella che sta prendendo il sole nell’ansa del fiume mentre vede passare il cadavere?

  2. Sono d’accordissimo, la vendetta fa male più a noi che agli altri, e non porta ad alcun risultato… il riferimento al film V per vendetta mi piace, l’ho visto 😀

    • Pensa che invece il film io non l’ho visto, ma il messaggio che passava la maschera mi sembrava quello più efficace.
      Comunque non sono d’accordo che la vendetta faccia male più a noi. Certo, alla fine fa male anche a noi, ma non deve essere quello il motivo per cui non esercitarla. Altrimenti troverai sempre qualcuno che sia disposto anche ad annientarsi pur di placare la sua sete vendicativa.

  3. La vendetta è uno dei più naturali istinti umani, io non la giudicherei così severamente. Più che alla droga la paragonerei al vino: se arrivi a ubriacarti poi rischi di finire fuori strada, ma un buon bicchiere o due fa un gran bene alla salute, all’umore, all’autostima. Magari anche al sesso, che non ci sta mai male.

  4. il rancore fa male a chi lo porta. L’ho imparato. Ma nel desiderio di vendetta cado ancora. Però…spesso..la vendetta per me è vedere come alla fine le cose vadano maluccio per chi mi aveva colpito…

  5. C’è quella sottile…Da cervelloni ! Se si è astuti, sfascia e distrugge con pochi danni collaterali !!!! … Ma è per pochi ‘intimi’ !

  6. Bia

    Per me, la soddisfazione di veder passare il cadavere… impagabile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...