Archivi tag: banana

della patata e del pisello

Attenzione, il contenuto del post è ad alto contenuto erotico….

Stavo riflettendo l’altra notte….perchè patata?

Non è gialla…a meno che le orientali….ma no, questo è un luogo comune….anche la consistenza non mi sembra richiami a quella….casomai il fico,

quando è maturo e tende ad aprirsi….anche se il colore è un po’ troppo rossastro….però da li si intuisce….il femminile di fico….in realtà io ho sempre trovato una certa somiglianza con il carpaccio…

quel colore rosa…tenero…pensateci bene….certo, non è il massimo dell’erotismo pronunciare frasi come “vorrei assaggiare il tuo carpaccio”…o “sei un carpaccio da paura”…la farfalla

invece…anche questa rimane un mistero…forse perchè non riesci mai a prenderla?

Andando sull’altro sesso invece….vogliamo parlare del pisello?

mi lascia perplesso….piccolo…sferico….neanche se fosse riferito agli attributi renderebbe giustizia…forse al baccello? (con la b…non leggete male)

Magari con la lunghezza anche anche….ma lo spessore…suvvia, si può fare di meglio….e poi rabbrividisco a pensare a delle mani che lo maneggiano allo stesso modo del legume…(ahi….)…

….allora perchè no grissino….

…no….troppo delicato…banana

rende sicuramente meglio l’idea….non nel colore però….anche se gli orientali….o magari zucchina…meglio se declinato al maschile…perchè anche uccello

…che c’azzecca? Forse perchè prende il volo?….magari in qualche tecnica anticoncezionale un po’ alternativa….altrimenti non saprei dire il perchè del termine….

Perchè questo post direte voi? Boh….la notte a volte si fanno strani pensieri….certo che voglio proprio vedere coi motori di ricerca come va a finire…   😉

 

 

Annunci

40 commenti

Archiviato in Senza categoria, sesso

della mensa e dei buoni propositi

Nella mensa della mia azienda tutto sommato si mangia bene. Certo, alcune cose funzionano e altre meno, ma complessivamente non mi lamento.

Ieri però mentre mi accingevo a varcare le porte di vetro del ristorante aziendale (così lo chiamano ufficialmente), facevo pensieri virtuosi riflettendo su come fosse il caso di incominciare a pensare all’estate e  a mettersi in forma.

Arrivo al bancone dei primi già pronto ad ordinare un triste riso in bianco quando vedo

Ecco davanti a due bucatini all’amatriciana non so proprio resistere, anche se quelli della mens…pardon, del ristorante aziendale, non sono proprio il massimo.

Appoggio coi primi sensi di colpa il piatto sul vassoio e passo oltre con la seria intenzione di compormi una bella insalatona quando, come da una sirena (quelle di Ulisse non quelle che suonano), vengo attirato al bancone dei secondi.

e no, cazzarola, i wurstel con i crauti… e magari una bella cucchiatata di senape.

Ok non è da oggi che mi metto in dieta e mentalmente prendo nota di cercare un alka seltzer per il pomeriggio.

Ovviamente per finire il pasto ci vuole un po’ di frutta e, visto che devo andare la sera in palestra, un po’ di potassio farà sicuramente bene

Con il vassoio riempito di cotanta leggerezza mi dirigo alle casse e davanti a me vedo (non visto) un collega che virtuosamente portava sul suo solo

 e due 

Manco il pane aveva!

Prima che si accorgesse di me (e del mio vassoio) scarto la fila e mi sposto su un’altra cassa, così da salvare almeno in apparenza l’immagine.

Inutile dire che ho passato tutto il pomeriggio con crampi allo stomaco, non ho trovato l’alka seltzer, ma un più semplice chinotto (per fare i ruttini) e che in palestra la sera pedalavo come se stessi facendo lo Stelvio con una graziella.

Oggi ho fatto il bravo. Riso in bianco, bresaola e due kiwi….però mi sa che mi conviene tornare in palestra per una seduta straordinaria stasera.

15 commenti

Archiviato in il gatto syl, me myself and I, Salute e benessere, Senza categoria

della banana che sa di patata

Si lo so, il doppio senso è palese, ne tantomeno io faccio nulla per evitarlo.
E’ che stamattina per colazione mi sono fatto una piccola macedonia. Un po’ d fragole che avevo avanzato ed una banana. Il tutto condito con dello zucchero raffinato. Mio padre dice che nella macedonia non va mai messo lo zucchero. La frutta è già zuccherina di suo ripete ogni volta. Non posso dargli torto, ma è come dire che la panna non va col gelato o il cioccolato con la nutella. Per me la macedonia vuole lo zucchero, possibilmente con la possibilità di lasciarlo macerare per una mezz’oretta almeno.
Ma sto divagando. Il tema è che stamattina le fragole sapevano di fragole, ma la banana sapeva di patata….con lo zucchero.
Però era buona.

Buona Pasqua a tutti.

3 commenti

Archiviato in Cucina, il gatto syl, me myself and I