Archivi tag: fortitudo

Fantozzi tiri lei

Fantozziana la serata di ieri.

Il programma era carino, io e Sylvestrino insieme a vedere la partita di basket tra le due squadre a cui vanno le mie preferenze, la Fortitudo Bologna e Varese. A dire il vero più la seconda che la prima, ma da quando sono diventato bolognese adottato, le effe blu hanno sempre raccolto le mie simpatie.

Nel momento di avviarsi, emerge il dubbio sul come andare a palazzo (paladozza). Cinquanta minuti in autobus o meno della metà in auto? La pigrizia e il probabile orario di fine partita mi fanno propendere per l’auto, scelta che si dimostrerà poi infausta.

Ci avviamo per tempo e nella prevedibie difficoltà di trovare un parcheggio, nonostante avessimo preso l’utilitaria della mamma, troviamo un benzinaio chiuso che ha un po’ di spazio fatto apposta per lasciare qualche macchina senza intralciare, anche se un minaccioso cartello di divieto di sosta con rimozione forzata avrebbe dovuto mettermi in guardia. Ma suvvia, è una domenica sera. Si tratta di mollare la macchina per duo e tre ore e poi si va via.

Fiduciosi ci avviamo verso il palazzo, dopo esserci fatti una piacevole pizza pre-partita.

L’atmosfera del paladozza è sempre incredibile. La tifoseria della Fortitudo penso sia davvero unica per il calore che riesce a trasmettere.

Però non appena entrati la notizia di Kobe Bryant lascia tutti un po’ scossi. Una leggenda che ci lascia.

Poi gli arbitri ci riportano alla realtà e con la palla a due danno inizio alla partita.

Partita che è stata avvincente, tirata punto a punto ma con un finale ahimè prevedibile, che ha visto la sconfitta dei biancorossi Varesini.

Un po’ attapirato (mio figlio invece era molto neutrale per cui indifferente al risultato) usciamo e ci avviamo verso l’auto.

Nel frattempo da ulcune radioline tiene banco la radiocronaca di Napoli Juve, con i partenopei che proprio in quel momento segnano il secondo gol che condanna noi gobbi alla prima sconfitta stagionale.

‘Namo bbene, due sconfitte su due e la notizia di Bryant. Che serata di m…

Non bastasse quel fetente di mio figlio mi piglia per il culo esclamando “pensa se quando arriviamo alla macchina non la troviamo più..”.

Che gufo malefico.

La serata finisce infatti cercando il deposito dove era stata portata dal carro attrezzi e la ricerca di un taxi per portaci li.

Fatti i conti della spesa, tra biglietti, pizza, taxi e carro attrezzi, questa partita mi è costata un botto.

7 commenti

Archiviato in bologna, figli, fortitudo, il gatto syl, me myself and I, Senza categoria, Sport

alla partita di basket a vedere le V nere

Per chi non fosse esperto di basket sto parlando della Virtus Bologna, acerrima nemica della Fortitudo.
Alcuni di voi sapranno che storicamente sono un tifoso Varesino che da circa un anno è diventato simpatizzante della Fortitudo bologna.
Mi piaceva l’anima un po’ proletaria e anche un po’ sfigata di quella squadra, caduta negli inferi delle serie minori per incapacità dei suoi dirigenti e sbeffeggiata dalla più nobile e aristocratica antagonista cittadina.
La Fortitudo però è di fatto scomparsa per l’ennesima malefatta del suo presidente e ora, anche il settore giovanile di cui mio figlio fa parte (e per questo che sono diventato fortitudino d’adozione) ne risente.
E’ così domenica scorsa, per permettere al cestista in erba di vedere del buon basket, almeno queste erano le intenzioni, l’abbiamo portato a vedere la Virtus.
La partita giocata contro Cantù (acerrima nemica di Varese per cui essendo avverso ad ambedue le compagini l’unico risultato che mi sarebbe andato bene sarebbe stato un improbabile zero a zero) è stata oggettivamente bruttina. Errori grossolani da una parte e dall’altra che facevano rimpiangere il livello sia pur dilettantistico delle partite dell’aquila blu.
In più i nostri posti erano vicini ai Boys brianzoli che per tutta la partita hanno cantato cori con testi che ho faticato a spiegare a mio figlio.

Lui d’altro canto non si è entusiasmato più di tanto, mostrando la sua anima da aquilotto.
Insomma, per quest’anno ci toccherà vedere le V nere….in attesa di vedere i giovani cestisti che crescono…

PS: Unico particolare che mi ha fatto piacere è che il canestro della vittoria bolognese l’ha segnato Petteri Koponen (fino a quel momento autore di una partita per nulla esaltante) che ho conosciuto personalmente in quanto ha condiviso con me molti dei pomeriggi passati nel centro di riabilitazione fisioterapico.

5 commenti

Archiviato in me myself and I, Senza categoria, Sport

Amori Fortitudo??????

Chi mi conosce saprà già come, da qualche mese, sia diventato un simpatizzante della storica squadra di basket della Fortitudo Bologna(per i più distratti http://ilgattosilvesto.blog.deejay.it/2009/12/14/la-fortitudo/ ). Mio figlio è negli aquilotti di questa squadra e poi, il percorso pieno di vicissitudini di questa squadra lo sento molto vicino a quello che è stato il mio negli ultimi tempi.  Allo stesso modo, sempre chi mi conosce, sa bene come la pensi su un graaaande scrittore e regista come Federico Moccia, nonostante abbia sempre ammesso che parte del mio stipendio sia grazie a lui. Ora, dopo queste doverose premesse, comepotete credere che sia rimasto quando ieri, andando a leggere sul sito della Fortitudo il risultato dell’ultima di campionato, ho scoperto che……Federico Moccia apre un altro ramo delle sue attività. La griffe «Amori», ispirata ai suoi libri, diventa lo sponsor della Fortitudo Pallacanestro di Bologna. La squadra assume il nome Amori Fortitudo Bologna e indosserà la nuova divisa, con la scritta Amori (la o è a forma di cuore), a partire dal 14 febbraio, giorno di San Valentino. Un uomo, un marchio: l’ascesa al paradiso della merce è ormai completa. Che sia l’unico scrittore italiano davvero all’avanguardia?. news_maglia_lammacittadini.jpg  ……….. Cioè Federico Moccia è lo sponsor della Fortitudo che dal giorno di san Valentino si chiamerà AMORI FORTITUDO !!!!!! Ma io dico, con tutte le squadre del panorama cestistico italiano, proprio alle Aquile blu doveva rompere i maroni? Lui è pure di Roma……. Già li vedo gli striscioni dei tifosi avversari……..”SIETE SOLO DEI MOCCIOSI”………..non c’è più religione. moccia.jpg

9 commenti

Archiviato in Amore, me myself and I, Senza categoria, Sport

La Fortitudo

img_4646_2.JPGimg_4630_2.JPGPer chi non lo sapesse è la seconda squadra di Bologna dopo la più blasonata e borghese Virtus. Ora è caduta in disgrazia, prima la retrocessione contestatissima in A2 e poi, per la grande incapacità di un presidente pirla, retrocessa ulteriormente in quella che pomposamente chiamano A dilettanti, ma che nella realtà dei fatti era la vecchia serie B1. Ora direte voi, che ci azzecca tutto questo?   Ci azzecca che GL ha iniziato da un paio di mesi a fare minibasket in una delle società satellite della Fortitudo, la quale ha organizzato un bel weekend dedicato a tutti i suoi aquilotti (l’aquila è il simbolo della squadra). In cosa consisteva…..il sabato in un pomeriggio al palazzetto in cui i bambini hanno giocato a basket ma non solo, gincane, giochi di gruppo, visita al museo della squadra, per poi conoscere i giocatori della prima squadra (a guardarlo chiedere l’autografo al Pivot veniva da ridere per il metro e due di differenza) e cena finale. Gianluca si è divertito un mondo (a parte la cena dove invece voleva scappare e visto quel che si mangiava non posso dargli torto). Inoltre per la partita che si è giocata la domenica, oltre ad avere l’ingresso gratuito per lui e per i genitori (grazie società) è stato scelto per entrare in campo a mo di mascotte coi giocatori a inizio partita. Per lui un emozione fortissima, legata al fatto che era la sua prima partita di baket a cui assisteva, e per noi genitori ancor di più.  Alla fine ci siamo ritrovati a tifare da veri supporter gioendo per la vittoria finale dei biancoblu. E’ stato un weekend bellissimo che spero che abbia avvicinato il mio cucciolo a questo sport che mi piace tantissimo perchè è un gioco di squadra e impegna in parti uguali gambe, braccia, testa e cuore. Ha già detto che ora vuol giocare con me…..mi sa che devo riprendere ad allenarmi con la palla a spicchi, non  vorrei fare figuracce nell’ 1 contro 1. PS: mentre tornavo a Milano in auto stasera riflettevo (viene facile farlo quando trascorri molte ore al volante da solo) su perchè mi sia trovato a tifare in maniera convinta per questa squadra quando storicamente sono un tifoso della pallacanestro Varese. La ragione è perchè questa è una squadra che appena caduta nel suo punto basso, anche se solo 4 anni fa celebrava il suo secondo scudetto, e ora sta cercando di rialzarsi e risalire in alto puntando sui suoi giovani…..non so perchè ma la sento una storia molto vicina alla mia. Non so se ci riuscirà, ma se fra due o tre anni sentirete parlare della Fortitudo in serie A magari vi ritroverete a pensare ….”hey, ma quella è la squadra del gatto Syl….chissà se anche lui è risalito in serie A?”

13 commenti

Archiviato in me myself and I, Senza categoria, Sport