Archivi tag: memoria

Chi non ha testa ha gambe…

…ma a volte può non bastare.

Oggi giornata impegnativa…trasferta a Torino, una bella quintalata di problemi da risolvere…un fastidisoso ritorno di raffeddore con tosse annessa…insomma, poteva andare meglio.

Però è anche mercoledì e non corro da domenica. Troppo se voglio realmente preparere quella maratona fra un mese e mezzo.

Stasera esco per tempo e vado a distruggermi con una bella sessione di ripetute lunghe…un’ora e mezza di corsa come si deve non me la toglie nessuno.

Questo è quello che penso convinto mentre negli spogliatoi mi cambio e mi infilo tutto l’abbigliamento necessario…maglietta tecnica, maglia lunga, pantaloncini, calze…mi manca solo da indossare le scarpe e….e…dove le ho…cazzo…le scarpe…

Di solito dimenticavo le mutande…me la cavavo andando in giro per un po’ in versione maniaco, pronto all’uso…ma correre con le scarpe all’inglese non è cosa per me.

Certo…avrei potuto sempre fare come il mio idolo…

https://i0.wp.com/ilmilaneseimbruttito.com/wp-content/uploads/2016/03/evidenza9.png

Ma io sono dell’idea che…

https://i0.wp.com/www.promuovi.com/wpx/wp-content/uploads/2015/06/pirelli.jpg

PS la pubblicità c’entra fino a un certo punto…però anche se datata la trovo sempre efficace.

Annunci

12 commenti

Archiviato in il gatto syl, me myself and I, running, Senza categoria

Chi non ha testa ha gambe…

…e chi non ha memoria meglio si scriva le cose.

Perchè se ieri sera, davanti allo scaffale degli yogurt, mi fossi ricordato che solo pochi giorni fa avevo fatto un buon rifornimento, oggi non mi ritroverei con almeno 4 chili di yogurt da smaltire nei prossimi giorni…

Però va detto che l’intestino funziona benissssssimo.

20150721_203843

 

 

37 commenti

Archiviato in il gatto syl, me myself and I

Leggevo e pensavo…

Devo essere la classica eccezione che conferma la regola…

http://www.repubblica.it/scienze/2014/03/10/news/confermato_correre_fa_bene_al_cervello-80679637/?ref=fbpr

 

Correre fa "ringiovanire" il nostro cervello

20 commenti

Archiviato in il gatto syl, me myself and I, Sport

post stupido post corsa

E’ lunedì, e già questo può rientrare tra le attenuanti generiche, vostro onore. Ma se poi si considera che durante la pausa sono andato anche a correre, consumando tutto l’ossigeno che il mio povero cervello necessitava, ecco che i pensieri solitari sviluppati durante il veloce pranzo post-corsa possono essere rientrare nella categoria stupidi ma innocenti.

Pensiero 1 – Gustando una forchettata di gnocchi ai 4 formaggi, mi sono chiesto: Possono essere defini tali anche un gruppo di fotomodelli poco propensi all’igiene personale?

Pensiero 2 – Assaporando un caco: Ad Ivrea per il carnevale, c’è la battaglia delle arance e i contradaioli si prendono ad aranciate. Ma se fosse periodo di cachi?

Pensiero 3 – La mia memoria non mi sorprende più: Andando a posare il vassoio, incontro il Fossati, un ex collega che non vedevo da un po’. Appoggio il vassoio, sfodero un sorriso, allungo la mano e dico…”Ivano….come stai?”…..Penso sia inutile dire che non si chiama Ivano vero?

29 commenti

Archiviato in il gatto syl, me myself and I, Società e costume

eppure…

…non è difficile.

Quando prepari la borsa fai la spunta:

  • pantaloncini – celo
  • maglietta – celo-
  • felpa – celo
  • calze – celo
  • accappatoio – celo

cacchio….le mutande ogni tanto volano via!

37 commenti

Archiviato in il gatto syl, me myself and I, palestra

non esiste una seconda possibilità di fare una buona prima impressione…

..ma anche la seconda impressione è sempre importante.

Mi riallaccio al post scritto qualche tempo fa.

Oggi ho avuto un nuovo incontro col mio nuovo capo, il terzo. In realtà non lo è ancora, ma si comporta già da tale. Convocazione per una riunione di un paio d’ore alle 18,30 (cazzarola c’era apre la Juve stasera), mano sulla spalla (allora Silvestro, come andiamo?), approfondimenti a fine riunione (Silvestro ti spiace se ti fermi ancora un attimo?),  insomma un classico della letteratura.

Però devo dire  che a parte questi stereotipi, l’impressione continua ad essere buona. Sarà il fatto che lui non conosca più di tanto il mondo dei libri, ergo gli servo, sarà perchè comunque l’empatia per il momento rimane, fatto sta che non mi dispiace fermarmi la sera per confrontarmi con lui.

Certo che, se al momento dei saluti, chiudo con un amichevole “Ciao Matteo e buona serata” salvo poi ricordarmi 10 secondi dopo mentre ero già in ascensore che “cazzo si chiama Marco!”…..

Qualcuno ha qualche suggerimento per la memoria?

38 commenti

Archiviato in il gatto syl, Lavoro, me myself and I, Senza categoria