Archivi tag: mente libera

certe volte è così…

Esci la sera dall’ufficio, una volta tanto col sole ancora alto. Nel momento però in cui varchi il portone incomincia a piovere…goccioloni grossi, che nel giro di qualche minuto si trasformeranno in una gentile pioggia nebulizzata.

Sali in auto, notando come stoni il fatto di avere gli occhiali da sole e di azionare il tergicristallo…però servono, tutti e due.

La serata è luminosa, brillante, come le scie delle auto che sollevano polvere d’acqua che lascia intravedere piccoli arcobaleni in controluce.

Pensi: è una serata perfetta per correre.

Così è.

Arrivi a casa, ti cambi velocemente, un pantaloncino e una canotta e corri fuori…a correre.

Il parco sembra uno di quelli inglesi con l’erba curata e incredibilmente verde. La musica nelle cuffiette introduce le inconfondibili note del Colplay…il disco più bello di questa estate.

Il ritmo è buono e soprattutto la corsa spazza via tutti i pensieri dalla testa. Ti sembra quasi di essere felice.

41 commenti

Archiviato in il gatto syl, Musica, running

La mente è strana…

Oggi ho corso come spesso avviene durante la pausa pranzo.

Sembrava una giornata di fine aprile e ho corso per la prima volta quest’anno con la maglietta a maniche corte e i pantaloncini. Nella realtà, avendo preparato la borsa già da ieri senza magliette a maniche corte ma solo con una maglia invernale più pesante, ho corso con la maglietta intima tecnica, che è rossa e soprattutto attillatissima.  Ammetto che un minimo di pettorali e di bicipiti, sembravo un mix tra big Jim e Cappuccetto Rosso.

In realtà però volevo parlare della corsa e non dell’abbigliamento, né tantomeno dei pettorali (quello fa parte del marketing).

Ho corso bene. Ma proprio bene. Quasi 11 km, fatti di buon passo e in progressione. Gli ultimi due spingendo proprio bene, volando. Se avessi avuto il tempo, sarei andato avanti ancora un bel po’, ce ne avevo eccome.

Penso che il motivo sia legato all’ok alla visita medica avuto ieri sera. Non che non avessi corso nelle scorse settimane ma oggi è come se mi fossi liberato di una fastidiosa zavorra.

Non provo stanchezza, anzi, stasera gioco anche a beach tennis, e soprattutto ho ancora voglia di correre quanto prima.

Riuscissi a gestire questi meccanismi mentali anche in altri campi…

 

running volando

 

41 commenti

Archiviato in il gatto syl, me myself and I, Salute e benessere, Sport