Archivi tag: pensiero

V come vendetta

Ultimamente mi è capitato di parlare di questo sentimento. Si perchè alla fine è un sentimento e come tale, al pari dell’amore, è guidato da motivazioni a volte incomprensibili e spesso ineluttabili.

Ha gli effetti di una droga, capace di appagarti e sballarti in un primo momento, ma con effetti devastanti a lungo termine.

Ne parlo con cognizione di causa. Mi è capitato di subirla, ma soprattutto, mi è capitato di agirla.

E’ terribile.

Quando subentra la vendetta, ti si annebbia la vista, non riesci a vedere le cose per quello che sono nella realtà. La mente percepisce la tua sete di vendetta come unico stimolo prioritario, facendo passare in second’ordine tutto il resto. Sei disposto anche ad annientarti pur di portare a casa il tuo obiettivo.

Spesso chi si sta vendicando riesce ad essere consapevole delle conseguenze dirette, ma difficilmente riesce a valutare quelle indirette, i “danni collaterali”. La vendetta infatti non è un fucile di precisione, ma una bomba che colpisce chiunque si trovi nei paraggi, oltre al bersaglio a cui è indirizzata.

Mi è capitato in passato di perpretare la mia vendetta. Ho agito d’istinto, senza pensare troppo…e ho clamorosamente sbagliato, facendo del male anche a chi si è trovato a passare nel posto sbagliato al momento sbagliato.

Ne è valsa la pena? No.

Potessi tornare indietro mi comporterei diversamente.

Però la capisco la sete di vendetta. La comprendo e non mi sento di giudicarla. Rimane comunque sempre una debolezza, un errore, spesso irreparabile, che non si dovrebbe commettere.

Diverso è quando godi delle cadute del tuo nemico. Quando, dopo aver subito, lo vedi cadere nelle buche che lui stesso ha creato. Ma in quel caso è il destino, il fato, il karma, ad essere artefice e mandante. Tu hai solo avuto la pazienza e la fortuna di vedere galleggiare il cadavere del tuo nemico nei flutti del fiume della vita.

Immagine correlata

18 commenti

Archiviato in il gatto syl, me myself and I, Senza categoria

Io sono un coglione e sono fiero di esserlo

Ultimo post pollitico e poi non vi scasso più i maroni…giurin giuretta.

Chi ha letto i miei post precedenti conosce la mia idea politica.

Ieri sera guardavo i telegiornali e ammetto, con grande sorpresa, leggevo via via i risultati dell’ultima tornata elettorale.

Sia chiaro, sono consapevole che vanno presi con le pinze, sono le europee e non le politiche.

Però il verdetto è piuttosto chiaro.

Dovrei essere strafelice…ma così non è.

Lo sono per il risultato, sia chiaro, ma leggere i commenti e le chiavi di lettura che sono stati dati mi lascia l’amaro in bocca.

Io non ho mai pensato che chi vota per il M5S sia stupido. Comprendo da sempre molte delle ragioni che guidano quel movimento.

Ne ho però sempre rifiutato sia il metodo che “la tattica”.

Però leggere nelle bacheche e nei blog, che chi ha votato per il PD è stupido o coglione o comunque fa parte del popolo bue…beh mi infastidisce.

Mi infastidisce allo stesso modo in cui lo fece Berlusconi quando disse che “solo un coglione non voterebbe per noi”.

Beh…come allora, io sono un coglione e sono fiero di esserlo.

E sono fiero di non credere che chi non la pensa come me lo sia.

Sia chiaro, di coglioni ce ne sono tanti in giro, e appartengono a tutti gli schieramenti.

Ma questa prepotenza nel non accettare e non rispettare il volere degli altri e di pensare che o con me o contro di me…beh non mi va giù. Fortunatamente non tutti, fra i 5 milioni di votanti per il movimento a 5 stelle sono così estremisti, ma non sono pochi e soprattutto i due leader sono fra quelli.

E pensare che ieri sera, quando vedevo le proiezioni, che davano il 40% al PD e poco più della metà a Grillo, la mia riflessione è stata: Ecco, ora basterebbe che smettessero di litigare e insieme, senza dover sottostare ai ricatti dei tanti politicanti del 2%, pensassero ed attuassero insieme le importanti riforme di cui il nostro paese ha bisogno. Con due partiti, cosa che a memoria non è mai successo nel nostro paese, avrebbero una signora maggioranza per poterlo fare.

Grillo più di una volta ha detto che Renzi gli ha copiato molti punti del suo piano. Bene…che li discutessero insieme e li mettessero in atto.

collaborazione_asini

 

 

43 commenti

Archiviato in beppe grillo, il gatto syl, me myself and I

Juventus Campione D’Italia !!!!

Il Gattopensiero sulla vecchia signora:

Non pensavo Conte potesse essere così bravo da gestire la squadra e la pressione in questo modo. Sarò curioso, ma non troppo, di vederlo dopo due sconfitte di seguito

Sapevo che Pirlo era forte ma non così forte

Pagherei per sentire ammettere al cavaliere e Shreck che i veri Pirla sono loro

Lo stadio è fantastico ed è stato il vero dodicesimo uomo in tutte le partite in casa

Il Milan è stato un degno avversario, ma Allegri deve smettere di fare il piangina

Non avrei mai immaginato di esultare per un rigore all’Inter

Buffon è Buffon

L’anno scorso era meglio tenersi Trezeguet piuttosto che prendersi Toni

Diego per me era da Juve, ma se fosse rimasto probabilmente Pirlo sarebbe ancora al Milan

Più che l’imbattibilità a me impressionano le sole 19 reti subite

Fossi Conte contro l’Atalanta giocherei con Barzagli in attacco (è l’unico che non ha ancora segnato) e gli farei tirare l’eventuale rigore

Stamattina ho faticato un po’ per trovare 30 brioches da portare in ufficio. Spero di fare la stessa fatica anche l’anno prossimo

C’è solo un capitano e io lo terrei anche solo per guidare il pullman

 

5 commenti

Archiviato in il gatto syl, me myself and I, Sport