Archivi tag: riccione

camera con vista

Gli alberghi a Riccione.

Ci sono camere con vista mare.

Altre che hanno una bella vista…sulle colline.

Chissà se pagano un supplemento?

😉

9 commenti

Archiviato in Viaggi e vacanze

dove eravamo rimasti?

Si lo so, la frase appartiene al compianto Enzo Tortora che, pace all’anima sua, non ha fatto una bella fine.

Però domenica, quando mi sono ritrovato sul campo da beach tennis, con la racchetta in una mano, la pallina pronta per la battuta nell’altra, con i mio socio che mi incitava e, dall’altra parte della rete, la stessa coppia con cui avevo concluso malamente la mia stagione beachtennistica l’estate scorsa….beh sono proprio le parole che ho pronunciato sottovoce.

Per la cronaca l’esordio è avvenuto con un 6-2 3-6 6-0. Dignitoso, anche se mentalmente abbiamo mollato dopo aver vinto il secondo set. Però loro giocano già da un mese mentre per me era veramente l’esordio stagionale e soprattutto…volevo uscire dal campo con le mie gambe!

9 commenti

Archiviato in il gatto syl, me myself and I, Sport, Viaggi e vacanze

il gatto atletico……

Ok che mi mancava l’ispirazione per scrivere, ma non speravo di riaquistarla in tal modo.

Domenica pomeriggio. Ultima partita a beach tennis della stagione. Avremmo potuto chiudere in bellezza io e il mio socio visto che in mattinata avevamo strappato (mmmhh che brutto verbo) una vittoria tirata contro una coppia più forte di noi. Ma tantè…..

Inizia la partita. Questi ci bastonano sonoramente, tanto che sul tre a zero l’unico obiettivo era di strappare (!) un game per chiudere onorevolmente senza un 6-0.

Arriva il mio turno di battuta. Regalo puntualmente il primo punto (sono molto generoso sapete). Alla seconda, alzo la palla, la colpisco con forza e contemporaneamente sento una sassata sul polpaccio sinistro. Mi accascio nella sabbia urlando a più non posso. Vedo che di sassate non ne ho ricevuto e almeno inizialmente spero un un forte crampo o al limite in una contrattura. Niente da fare però, il dolore è lancinante.

Mi portano a spalle sul lettino della spiaggia dove le mogli credevano fosse l’ennesimo scherzo.  Ghiaccio, mille persone che incominciano a dire “per me è quello….a me è capitato lo stesso l’anno scorso….come minimo ne avrai per due mesi….etc. etc.”

Piano d’emergenza per farmi andare a casa e tentare una doccia (ero pieno di sabbia infatti oltre che sudato e puzzolente come un muflone). La rampa di scale per arrivare a casa nostra fatta col culo (nel senso letterale del termine). Doccia da seduto, un boccone mangiato velocemente giusto per imbottirmi di aulin e partenza per bologna sperando nel traffico della domenica sera.

Il viaggio, pur essendo abbastanza tranquillo, mi ha fatto vedere i sorci verdi per il dolore. Si arriva a Bologna e dopo aver lasciato il piccolo dai nonni, di corsa al pronto soccorso.

L’impatto è stato terrificante. Un’infermiera di 150 kg, con il grembiule tutto sporco di gesso dall’intervento prima, ha spinto la barella nell’ambulatorio e già io mi immaginavo le torture medievali alla mia gamba.

Il medico mi visita e mi conferma la diagnosi che pensavo. Lesione al gemello mediale sinistro con forte edema.

In pratica un forte strappo alla coscia.

Fasciatura rigida e 20 gg. di prognosi.

Inutile dire che il ritorno su milano mi è saltato e mi toccherà fare questa ulteriore settimana di riposo forzato.

Ora sono sul letto col gambone in alto nella più classica delle immagini di chi si rompe una gamba……

Salta la mostra del cinema a Venzia e spero non salti il concerto del Liga sabato prossimo (a costo di saltellare per tutto il Dall’Ara ci voglio andare)

sgrunt……………..!!!!!!!!!!!!

10 commenti

Archiviato in il gatto syl, me myself and I, Salute e benessere, Senza categoria, Sport

il beach tennis

Sono sfinito. Ormai sono al mio secondo weekend in quel di Riccione ed è  un po’ strano per me, sono ormai parecchi anni che concepisco i miei weekend estivi e le mie vacanze in montagna… ma quest’anno si cambia. Vediamo però il lati positivi. Dopo anni di mountain bike, ho rispolverato la mia bici da strada. Si torna a macinare kilometri e si imparano a conoscere nuove strade e nuovi paesaggi (le colline romagnole sono veramente rilassanti da percorrere pedalando). Inoltre mi sono fatto trascinare nel BEACH TENNIS. Una via di mezzo tra il beach volley e il tennis. Certo, le spiagge nei dintorni di viale Ceccarini sono piene di “professionisti” della racchetta, gente che passa le sue giornate a giocare per ore. Io sono una new entry, ma il socio che mi ha trascinato in questa avventura (il papà di un compagno di scuola di GL), mi ha dato le prime nozioni e ora “sfidiamo” coppie di ragazzi la cui età sommata non supera quella di solo uno di noi………ma si sa l’esperienza conta e i risultati si vedono…….l’ultima partita ad esempio 6-1 6-2………cazzo se ci hanno bastonato, ma vuoi mettere l’aperitivo che ci siamo fatti per “festeggiare”? Comunque non molliamo……al prossimo weekend per la rivincita!beach_tennis_riccione1_event-new.jpg400_f_14148975_mclwtxpplfxqc3svijcvmpeojhycuix7.jpg 

6 commenti

Archiviato in me myself and I, Senza categoria, Sport, Viaggi e vacanze

6 luglio

notte-rosa-250.jpgPassato il weekend. Vedere il piccolo è stato bellissimo. Fortunatamente è sempre stato bello allegro. 

Solo che io e mia moglie, non avendo trovato posto nello stesso albergo dei miei, abbiamo dormito in un albergo nelle vicinanze. Appena lui l’ha capito, non ha fatto scenate isteriche, ma sommessamente ha incominciato ad avere il magone perchè voleva dormire con noi. Non vi dico la sua felicità invece quando, dopo aver chiesto al nostro hotel di poterlo portare a dormire con noi, ha capito che avrebbe dormito con noi.

In realtà noi eravamo ancor più felici di lui……

Comunque il leit motiv del weekend era la notte rosa. Devo dire che in romagna sono avanti una spanna a tutti gli altri. Sono riusciti a caratterizzare col rosa tutto ciò che si poteva…..magliette, cappelli, tavole imbandite, menù…..pure la carta igenica nel bagno era rosa.

Peccato che nonostante il “capodanno d’estate” il piccolo alle 10,30 sia crollato. Quindi niente fuochi d’artificio, mentre in compenso io non ho chiuso occhio per il casino (comprensibile) sotto l’alberto finito solo alle 4 di mattina quando un temporale estivo ha mandato tutti a casa. Ovviamente se prima il baccano era causato dagli schiamazzi, poi è stato sostituito da tuoni fragorosi.

Morale…..due occhiaie ed un sonno epico.

Se il weekend nel suo insieme non è stato male, il viaggio in treno da dimenticare…..all’andata impianto di condizionamento rotto….al ritorno 70 minuti di ritardo sul nostro treno. Fortunatamente ero arrivato un po’ prima in stazione e sono riuscito a prendere un interregionale in ritardo di solo mezz’ora che mi ha portato a bologna dove sono saltato a bordo di un intercity stranamente in orario.  Quindi…..arrivato a casa con solo una ventina di minuti di ritardo sulla tabella di marcia (non che avessi chissà quali impegni ……)

Ora sono pronto per un’altra settimana lavorativa. Nonostante sia teoricamente libero da impegni devo dire che ho mille cose da fare e dubito di riuscire a portarle tutte a termine….

Misteri del tempo libero…..

2 commenti

Archiviato in me myself and I, Senza categoria, Società e costume

3 luglio

avatar.jpgstasera finalmente si parte.  Destinazione Riccione. Carico sul treno a metà strada la consorte e finalmente rivedo il piccolo.Ieri si è divertito un mondo, è andato a oltremare. Mi ricorda quel giorno di due anni fa in cui ci eravamo andati assieme e gli avevo scattato quella foto col delfino che è diventata il mio marchio di fabbrica. 

3 commenti

Archiviato in me myself and I, Senza categoria