Archivi tag: termometro

sul punto di morte

Oltre ad essere gatto faccio parte dell’universo maschile e in quanto tale, se colpito da un’influenza, sento che potrei non arrivare a domani.

C’ero cascato già durante le vacanze natalizie e ora, dopo un paio di settimane, ci sono ancora dentro.

L’uomo, pardon, il gatto, quando è ammalato si imbruttisce. Per prima cosa non si fa la barba. Poi il pigiama o la tuta vengono indossati fino a che sono in grado di camminare da soli.

I pasti si riducono a tristi minestrine in brodo o altrettanto tristi paste in bianco.

La tachipirina diventa il tuo miglior alleato e il termometro colui (il mio termometro ha personalità) che dice quando è il caso di prenderne. Tanta febbre 1.000, poca febbre 500, pochissima febbre, aspetta finche non diventa almeno poca.

Il letto pare una cuccia per cani. Ormai c’è l’impronta del mio didietro. Il cuscino una massa informe che staziona stancamente tra la testa e la testata…del letto.

A momenti alterni si cambia l’aria alle stanze. Quando sono in cucina si apre la camera e quando sono in camera si apre la finestra della cucina. Tutto per disorientare quei pinguini che tentano di entrare.

Sono pure andato dal medico. Pensavo di essere giù in via di guarigione e invece la febbre è aumentata. Nemmeno lui mi ha dato soddisfazione….”ma come, nemmeno un antibiotico?”….”E’ virale, non servirebbe a niente”. Si però solo per l’impegno di essere venuto fin qui almeno una pastiglia Valda o una Zigulì potrebbe prescrivermela…

Niente, devo proprio rassegnarmi nell’essermi preso una banale influenza. Niente corsa, niente beach tennis…un buon libro e un piumone confortevole.

Nel frattempo cuccatevi lui….mi fa scompisciare dalle risate almeno.

Quanto a me….se non sopravvivo….è stato bello conoscervi.

http://video.repubblica.it/divertimento/usa-agente-canta-al-volante-dipartimento-pubblica-video-su-youtube/189128/188050?ref=fbpr

57 commenti

Archiviato in il gatto syl, me myself and I, Salute e benessere

lo so…

…faccio parte dello stereotipo maschile che con qualche lineetta di febbre (37,5 per l’esattezza) sembra abbia già un piede nella fossa.

Avevo il raffeddore, malattia infingarda, un mal di gola fetente, il tutto coronato con un bel mal di testa. Sembra chissà chè ma in realtà nulla. Nulla che mi impedisse realmente stamattina di farmi la barba, colazione, doccia vestirmi e uscire per andare in ufficio come tutte le mattine.

Invece quando ho aperto la porta della doccia mi sono detto….”ma perchè?”.

C’era un letto, ancora sfatto che mi diceva “vieni…vieni” e come non farsi tentare.

Una bella e-mail in ufficio e via….giornata di cazzeggio. Libri, ronfate, internet, ogni tanto qualche telefonata, a volte anche di lavoro.

Conosco il mio fisico e so che quando manda questi segnali il messaggio è “caro Sylvestro, fermati un giro ai box per un pit stop”.

Domani si riparte. Ne sono sicuro.

7 commenti

Archiviato in il gatto syl, Lavoro, me myself and I, Salute e benessere